News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

URZÌ / FDI-TNAA * FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI: « LA COMMISSIONE SPECIALE ISTITUITA A BOLZANO HA VOTATO SÌ, COME AVEVAMO PREVISTO »

Scritto da
17.21 - martedì 22 febbraio 2022

Finanziamento pubblico ai partiti in Alto Adige, la commissione speciale istituita a Bolzano ha votato sì: come avevamo previsto. Era evidente e già scritto. Tutto il dibattito in Consiglio provinciale aveva chiarito il taglio della Commissione, nata per mettere in piedi una forma di finanziamento pubblico ai partiti con i soldi dei contribuenti. Solo Fratelli d’Italia si era opposta ed aveva votato contro. Solo Fratelli d’Italia. E solo FdI si era opposta allo smembramento della competenza sinora esercitata dalla Regione di regolare le indennità dei consiglieri. Così Trento da oggi sarà ancora più lontana da Bolzano.

Ed a ferire più di tutto oggi l’ipocrisia delle forze politiche (da Lega, Forza Italia, Cinque Stelle, Verdi, Team K) che a Bolzano hanno oggi ritirato la propria disponibilità a sostenere la legge sul finanziamento pubblico solo a seguito della nostra denuncia che aveva fatto divenire pubblica l’operazione.
Una scelta tardiva ed inutile, quella di opporsi oggi, ormai i lavori sono incanalati nella direzione della elaborazione del sistema di finanziamento ai partiti. Ed è stato confermato dal voto.

Il tema è stato successivamente addirittura calendarizzato con solo Fratelli d’Italia a dichiararsi contraria ancora un volta.
L’impressione che ne abbiamo ricavato: un festival dell’ipocrisia. Altrimenti non sarebbe stato solo Fratelli d’Italia già dal Consiglio di Bolzano a dichiarare la pericolosità dell’operazione. E le prime timide opposizioni non sarebbero arrivate da altre forze politiche solo a seguito del clamore da noi sollevato e che inchiodava tutti alle proprie responsabilità. Anche chi aveva taciuto.

Fratelli d’Italia annuncia la più ferma e determinata opposizione in ogni sede. La creazione del sistema del finanziamento pubblico, vietato in tutta Italia, costituisce una lesione grave del principio di unitarietà del sistema nazionale.

Varrà solo per l’Alto Adige che scarica il Trentino (sempre con solo Fratelli d’Italia contrario) anche in tema di indennità dei consiglieri. Così avremo un Consiglio regionale composto da consiglieri non solo eletti con sistemi elettorali diversi ma anche pagati in modo diversi e con partiti a Bolzano finanziati dai contribuenti ed a Trento no.

Un colpo mortale alla Regione. Denunciato solo da FdI.

 

*
Alessandro Urzì
Consigliere regionale e provinciale di Fratelli d’Italia

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.