News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

GRUPPO GPI – TRENTO * SANITÀ – PSA: « AL VIA LA APP PER MONITORARE IL TERRITORIO E SEGNALARE AGLI ENTI PUBBLICI I CASI DI PESTE SUINA AFRICANA »

Scritto da
11.28 - mercoledì 26 gennaio 2022

Il Gruppo Gpi ha realizzato l’App “Sorveglianza passiva”, che consente di segnalare facilmente alle autorità gli animali che vengono trovati morti sul territorio a causa della Peste Suina Africana (PSA). La PSA è una malattia che colpisce suini e cinghiali. In questo periodo si sono verificati casi nelle regioni Piemonte e Liguria e l’attenzione del Ministero della Salute è massima, per evitare che il fenomeno dilaghi.

L’App è acquisibile da parte di enti pubblici, come regioni, istituti zooprofilattici, aziende sanitarie e comuni. Questi soggetti a loro volta la possono mettere a disposizione di tutte le persone che frequentano abitualmente ambienti rurali (cacciatori, operatori forestali, escursionisti…) e che potenzialmente possono rinvenire carcasse o resti di animali. Per mezzo di questo strumento l’utilizzatore con pochi e semplici passaggi è in grado di effettuare una segnalazione completa della geo-localizzazione (automatica) del sito di rinvenimento e fornire le foto realizzate sul luogo del ritrovamento. Le segnalazioni così raccolte vengono recepite dai servizi competenti, tramite apposito applicativo, parte integrante della fornitura dell’app.

Marco Gambarini, responsabile dell’Area Veterinaria del Gruppo Gpi, afferma: “Il nostro team si occupa di sanità pubblica veterinaria da più di trent’anni, sviluppando soluzioni informatiche all’avanguardia, con uno sguardo alle esigenze presenti e future dei nostri clienti. Con questo spirito, anche questa volta, vogliamo dare il nostro contributo mettendo a disposizione una soluzione mobile che faciliti le segnalazioni dal territorio verso le istituzioni”.

GRUPPO GPI
Gpi è il partner di riferimento per il software, le tecnologie e i servizi dedicati alla Sanità, al Sociale e alla Pubblica Amministrazione.
Nata oltre 30 anni fa a Trento, Gpi è cresciuta grazie a significativi investimenti in M&A (in Italia e all’estero) e in R&S, svolta in partnership con le principali università e centri di ricerca italiani con l’obiettivo di trasferire le conoscenze scientifiche, tecnologiche, funzionali e di processo applicate ai settori e-health, e-welfare, well-being.
Grazie anche alle soluzioni e alle competenze acquisite dalle società entrate a far parte del suo ecosistema, il Gruppo è riuscito a tradurre le necessità emergenti dal mondo sanitario in soluzioni tecnologiche all’avanguardia e in nuovi modelli di servizio in grado di ottimizzare i processi di prevenzione, diagnosi e cura, migliorando la qualità della vita delle persone.
L’offerta combina competenze specialistiche in ambito IT e capacità di consulenza e progettazione che consentono di operare in differenti aree di business: Software, Care, Automation, ICT e Pay.
La Società ha chiuso il 2020 con ricavi consolidati pari a 271 mln di Euro, oltre 6.100 dipendenti e più di 2.400 clienti distribuiti in oltre 60 paesi.
Gpi ha fatto il suo ingresso in Borsa Italiana nel 2016 (segmento AIM) ed è passata sul mercato MTA nel 2018.
ISIN azioni ordinarie: IT0005221517

 

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.