News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

“ESTINZIONI”: MUSE, DAL 15/4 RIFLESSIONI SULLA CRISI ECOLOGICA CHE STIAMO VIVENDO

Scritto da
12.01 - sabato 15 aprile 2017

(Fonte: Ufficio stampa Muse) – Tre storie con protagonisti uccelli rarissimi, felini poco raccomandabili, insetti ronzanti, rospi invasori, frutti scomparsi e, naturalmente, l’uomo. Tre storie disegnate sulla sabbia per raccontare l’evoluzione della vita su un’isola, tra cataclismi, estinzioni e nuove opportunità.

Il Muse propone nelle giornate del 15, 16, 17, 23, 24 e 25 aprile alle 15.00 e 16.30, “C’era più volte”, ciclo di racconti con Nadia Ischia e Laura Lotti, proposte nell’ambito della mostra “Estinzioni. Storie di catastrofi e di altre opportunità”, in corso al museo fino al 26 giugno.

Al centro dei tre racconti, scritti da Tecnoscienza – un gruppo di autori di racconti scientifici per ragazzi e illustrati dalle mani di Nadia Ischia e narrati dalla voce di Laura Lotti – si trova un’isola misteriosa, che cambia le sue caratteristiche, la vegetazione e la fauna che la popolano, e diventa teatro delle vicende che determinano l’estinzione o la sopravvivenza dei personaggi animati.

Quali sono i legami tra i vari elementi della Terra? Perché alcune specie, animali e vegetali, si estinguono, mentre altre continuano a vivere? Nadia Ischia e Laura Lotti raccontano in modo poetico e avvincente come tutto, al mondo, sia governato da reti e relazioni spesso invisibili e ogni piccolo cambiamento possa avere conseguenze a catena su ogni ecosistema.

Un appuntamento da non perdere dedicato ai bambini dai 7 anni e alle loro famiglie, per vivere la suggestione di una storia che si crea mediante gesti veloci e sicuri, che solcano la sabbia, generano i personaggi che, come le specie sulla Terra, nascono vivono e a volte scompaiono.

“Estinzioni, storie di catastrofi e di altre opportunità” è un racconto che parla di catastrofi e grandi sfide, ma anche di fortune e successi, in un dialogo a più voci tra scienza e società. Con “Estinzioni” il Muse mette in dialogo le ricerche e le riflessioni sulla sesta estinzione di massa – ovvero la crisi ecologica che stiamo vivendo – con le dinamiche che hanno caratterizzato le cinque grandi estinzioni paleontologiche avvenute negli ultimi 500 milioni di anni.

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/04/0414_Sand-art.pdf” title=”0414_Sand art”]

 

 

 

Foto: da comunicato stampa

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.