News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

ENAC * CONSIGLIO “ICAO”: DI PALMA, “ITALIA RICONFERMATA TRA LE NAZIONI LEADER DELL’AVIAZIONE CIVILE CON 151 VOTI SU 170 VOTANTI, PRIMA IN EUROPA E TERZA AL MONDO “

Scritto da
17.41 - sabato 01 ottobre 2022

Elezioni del Consiglio dell’ICAO: Italia riconfermata tra le Nazioni leader dell’aviazione civile mondiale con 151 voti su 170 votanti, prima tra le Nazioni Europee e terza al mondo. Russia esclusa dalla prima fascia.

Presidente ENAC Di Palma: “Si riafferma il ruolo determinante del sistema Paese nell’aviazione civile. Obiettivo comune è riconnettere il mondo del post pandemia.

L’Italia ha confermato il proprio ruolo di leader dell’aviazione civile ricevendo 151 voti su 170 votanti nelle elezioni per il Consiglio dell’ICAO (International Civil Aviation Organization), prima tra le Nazioni europee e terza in tutto il mondo, dopo Brasile e USA.
Durante la 41a Assemblea Generale dell’ICAO, l’organismo dell’ONU che riunisce le autorità per l’aviazione civile di 193 Stati, in corso a Montreal, in Canada, si sono svolte le elezioni del Consiglio, l’organo esecutivo, composto da 36 membri, suddivisi in tre fasce che, per categoria di rilevanza, rappresentano i Paesi con una significativa storia industriale aeronautica e un’incisiva politica del trasporto aereo, al quale assegnare la missione di governo per il successivo triennio.

Nella prima votazione per la prima fascia, composta da 11 Paesi, è risultata esclusa la Russia: ha ottenuto 80 voti e non ha quindi raggiunto il quorum di 86 voti su 170 votanti.
“Essere confermati nella governance mondiale dell’aviazione con un riconoscimento così ampio è motivo di grande orgoglio – dichiara il Presidente ENAC Pierluigi Di Palma – Il trasporto aereo è un ecosistema e come tale, per il suo funzionamento, ha bisogno del contributo di tutti i Paesi, senza lasciarne indietro nessuno.

Il futuro ci chiama a consegnare un mondo migliore alle nuove generazioni: per l’aviazione civile si tratta di un mondo decarbonizzato, come previsto dagli obiettivi dell’ICAO entro il 2050; un mondo in cui le nostre attività siano riconciliate con l’ambiente; un mondo nuovo e innovativo che ci proietta verso la mobilità aerea avanzata con il trasporto intermodale di passeggeri e merci, al servizio dei cittadini; un mondo allargato all’aerospazio e ai voli suborbitali. L’Italia è pronta per queste sfide”.

L’elezione in prima fascia è una riconferma dell’autorevolezza, nel settore aereo internazionale, dell’Italia e del lavoro svolto dall’ENAC, dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e dalla delegazione italiana che rappresenta permanentemente il nostro Paese presso Montreal, sede dell’ICAO.

Il risultato delle elezioni riveste una rilevanza ancora maggiore dato che i 36 Stati che faranno parte del Consiglio dovranno designare, nel prossimo mese di novembre, il Presidente ICAO per il triennio 2023-2025. Per tale posizione, l’attuale Presidente,

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.