VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

CGIL CISL UIL – TRENTINO * PROGETTONE E LAVORI SOCIALMENTE UTILI: « SIGLATO L’ACCORDO TRA SINDACATI E GIUNTA PROVINCIALE PER REINSERIRE I LAVORATORI LICENZIATI »

Progettone e Lavori socialmente utili, strumenti importanti nelle politiche del lavoro. Siglato oggi un accordo tra sindacati e giunta provinciale che riafferma la centralità di questi strumenti e conferma il metodo della concertazione.

Il Progettone e i lavori socialmente utili sono strumenti importanti nelle politiche del lavoro trentine. Lo ribadisce un accordo siglato ieri mattina tra Cgil Cisl Uil del Trentino insieme alle categorie, Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil, con l’assessore al Lavoro, Achille Spinelli e la Federazione trentina delle Cooperative

L’intesa, che conferma anche lo stanziamento di risorse da parte della giunta, sottolinea la centralità di Progettone e Lavori socialmente utili per dare strumenti ai lavoratori espulsi dal mercato del lavoro per crisi o ai soggetti in difficoltà, contribuendo alla cura e alla salvaguardia del territorio.

“L’accordo di ieri – sottolineano i tre segretari confederali, Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti con Maurizio Zabbeni, Fulvio Bastiani e Fulvio Giaimo – è importante nel merito e nel metodo. Non solo si ribadisce la valenza di questi strumenti nell’ambito delle politiche del lavoro trentine, ma anche perché è il frutto di un metodo concertativo e della condivisione delle scelte che, dopo un’iniziale fase di difficoltà con il nuovo esecutivo, trova nuovamente valore. Siamo dunque soddisfatti”.

L’accordo afferma anche l’importanza delle politiche attive per favorire il reinserimento di questi soggetti nel mercato del lavoro ordinario dopo il licenziamento. Si interviene inoltre per garantire la necessaria flessibilità per l’utilizzo dei contratti a tempo determinato nel sistema dei lavori socialmente utili.

Infine si sono poste le basi per il rinnovo del contratto. “L’assessore Spinelli si è impegnato a favorire il rinnovare in tempi rapidi il contratto del Progettone, con l’obiettivo anche di recuperare il potere d’acquisto. Auspichiamo dunque di entrare in tempi bravi nel vivo della trattativa”, concludono i sindacalisti.