VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

CARABINIERI DI BORGO VALSUGANA (TN) * SICUREZZA: « ARRESTATE 2 PERSONE PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA, 7 DENUNCIATE PER RISSA E GUIDA IN STATO DI EBBREZZA »

I militari della Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, impegnati in servizi coordinati del territorio, disposti dal Comando Provinciale di Trento, in occasione delle festività natalizie, hanno arrestato due persone in esecuzione di ordinanze emesse dall’A.G. trentina per maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori e denunciato sette persone, per rissa e guida in stato di ebbrezza alcoolica.

I carabinieri della stazione di Borgo Valsugana insieme ai militari dell’aliquota operativa dell’omonima Compagnia, avevano eseguito più interventi presso l’abitazione di R.C., italiano 58enne, poiché lo stesso, soprattutto quando si trovava in stato di ebbrezza alcoolica, minacciava e intimidiva, con il suo comportamento aggressivo, una coppia di vicini, tanto da indurli a cambiare abitudini. Per questo, veniva denunciato dai carabinieri e sottoposto dall’A.G. al divieto di avvicinamento presso i suddetti coniugi. Il ripetersi però di violazioni a tale prescrizione, segnalate dai militari dell’Arma all’A.G., ne faceva scaturire un aggravamento con l’emissione di un’ordinanza di restrizione presso il carcere di Trento.

I carabinieri della Stazione di Caldonazzo, hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza emessa dall’A.G. trentina, H.R., albanese 41enne, per il reato di atti persecutori.
L’uomo, adocchiata una donna della Valsugana, per molto tempo, dapprima con le buone poi con modi sempre più diretti ed aggressivi, ha tentato di instaurare una amicizia, con la cittadina italiana, sempre però rifiutata. Questo suo comportamento, ha inevitabilmente sconvolto la donna che lo ha denunciato all’Arma perché costretta a cambiare il suo stile di vita per evitare di ritrovarselo sotto casa od al lavoro. L’A.G., concordando con gli accertamenti delegati alla P.G., emetteva ordinanza di arresto del medesimo sottoponendolo agli arresti domiciliari.

I carabinieri della Stazione di Borgo Valsugana, hanno denunciato 5 italiani, per il reato di rissa. Molteplici le chiamate al 112 di cittadini spaventati nel vedere più uomini prendersi a pugni per la strada. Quando le pattuglia dei carabinieri di Borgo arrivava nel luogo indicato, la lite era cessata. Si provvedeva quindi a ricostruire l’accaduto e, attraverso testimoni oculari ed alcuni successivi accertamenti tecnici, riuscivano a ricostruire che cinque persone, per futili motivi, dovuti anche all’assunzione di forti quantità di alcool, si erano picchiati di santa ragione. Si tratta di I.L. 26enne, G.C. 29enne, I.M. 38enne, P.M. 38enne e C.S. 50enne, tutti pregiudicati.

I carabinieri dell’aliquota radiomobile di questa Compagnia, nella zona di Pergine, fermavano alla guida della propria autovettura Z.L. italiano 47enne. Sottoposto a controllo etilometrico, risultava avere un tasso alcolemico pari a 1,89 G/L, che ricordiamo essere circa quattro volte superiore al limite massimo che è pari a 0,50 G/L.

I carabinieri della Stazione di Pergine Valsugana, nel loro territorio, fermavano alla guida della propria autovettura B.M. italiano 46enne. Sottoposto a controllo etilometrico, risultava avere un tasso alcolemico pari a 1,63 G/L.