PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (13ma puntata format Tv)

Questa mattina la Squadra Mobile della Questura di Trento ha rinvenuto, sotterrate nel giardino di un’abitazione nei pressi di via delle Missioni Africane, 4 pistole e relativo munizionamento.

Le armi, perfettamente funzionanti, erano avvolte nel cellophane per prevenire che si potessero deteriorare a causa dell’umidità e della pioggia caduta negli ultimi giorni.  Sul posto è intervenuta anche la Polizia Scientifica che si occuperà dei rilievi per capire a chi appartenessero le armi e se siano mai state utilizzate per compiere altri delitti.

Il ritrovamento delle armi si inserisce nelle indagini che la Polizia di Stato sta portando avanti, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trento, per la ricerca del quarto uomo, sfuggito al blitz di Natale in cui furono arrestati 3 cittadini albanesi, trovati con 1 kg d’oro in monili preziosi, rubati dalle abitazioni di cittadini di Trento e Provincia. Non a caso, le armi trovate questa mattina sono state sotterrate in un giardino a pochi metri dall’abitazione utilizzata come covo dai ladri dell’est Europa.

In quell’occasione la Squadra Mobile ricostruì la provenienza dei preziosi da circa 20 episodi di furto. Da qui in avanti le indagini continuano a livello balistico, per comprendere se le pistole siano state messe a disposizione ed impiegate per commettere rapine anche al di fuori di Trento e provincia.

Il ritrovamento delle armi si inserisce in una strategia di contrasto alla criminalità diffusa (furti, rapine e vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti) ed organizzata, voluta dal Questore di Trento, che mira a non lasciare spazio né ad iniziative criminali isolate, attraverso un controllo capillare del territorio, né a consorterie criminali mafiose, che volessero infiltrarsi nel tessuto economico del Trentino.