VIDEONEWS & sponsored

(in )

LIBERI E UGUALI DEL TRENTINO * LA PRESENTAZIONE DEGLI OTTO CANDIDATI E I DETTAGLI DEI COLLEGI

Liberi e Uguali del Trentino – Candidàti

*
Per il collegio di Trento, Renata Attolini alla Camera e Andrea Pradi al Senato;

Per il collegio di Rovereto, al Senato Annalisa Foletti e alla Camera Ezio Viglietti;

Per il collegio di Pergine Valsugana Antonella Valer e Vincenzo Calì, rispettivamente alla Camera e al Senato.

Mentre nel proporzionale, che vede capolista l’altoatesino Norbert Lantschner, si hanno i trentini Angioletta Maino e Luca Modena rispettivamente al secondo e terzo posto, mentre il quarto posto è ricoperto dall’altoatesina Giulia Motta Zanin.

 

*

Breve presentazione dei candidati della Provincia di Trento

Renata Attolini, nata a Fleurier (Svizzera) nel 1951, da genitori “migranti”, laureata in Sociologia, insegnante per 42 anni e formatrice, ha sperimentato metodologie per favorire nei bambini la capacità di adottare atteggiamenti positivi che facilitassero l’apprendimento. Ha al suo attivo anni di attivismo nel sociale, con particolare attenzione all’ambito dei diritti, convinta che la natura dei diritti sia espansiva, che ciascuno di noi potrebbe essere minoranza. Presta particolare attenzione ai temi ambientalisti e alla tutela dei beni comuni. Già portavoce di Sinistra Ecologia Libertà del Trentino, dal 2017 è segretaria provinciale di Sinistra Italiana.

 

Vincenzo Calì, nato a Milano nel 1945, residente a Trento, già docente di storia contemporanea all’Università degli Studi di Trento, per due decenni è stato direttore del Museo storico in Trento. Attualmente è vicepresidente dell’Associazione Museo Storico in Trento. Regionalista convinto, è stato candidato in precedenti tornate elettorali con la sinistra interetnica sudtirolese.

 

Annalisa Foletti, nata a Riva del Garda nel 1964, lavora come dipendente pubblica da 25 anni, delegata Cgil e componente dell’Assemblea generale nazionale Cgil, componente dell’Assemblea provinciale di Sinistra Italiana. E’ da anni saxofonista del corpo bandistico di Riva del Garda.

 

Angioletta Maino, nata ad Arco nel 1950 e qui residente. Ha lavorato nel settore turistico, soprattutto nel settore forestale. Impegnata attivamente per l’agricoltura biodinamica e biologica. Inoltre attiva per anni come volontaria (1980 Irpinia, 1984-88 Nicaragua). Impegnata da sempre nelle lotte a favore delle donne. Ambientalista. Consigliera comunale di Arco tra per due mandati (1991-’95 e 2005-’10). Attualmente consigliera della Comunità Alto Garda e Ledro.

 

Luca Modena, nato a Rovereto nel 1963 e ivi residente. Diploma di scuola superiore conseguito all’Itis Buonarroti di Trento. Da settembre 2017 si considera libero professionista. Felicemente sposato da 30 anni e padre di due figlie che considera molto in gamba. Temi a cu itiene molto e ai quali dedicherà sempre passione e tempo: difesa dell’ambiente e attività di volontariato.

 

Andrea Pradi, nato a Bolzano nel 1969, residente a Trento. Sposato, ha due figli. E’ professore aggregato presso la Facoltà di Giurisprudenza dove insegna diritto Anglo Americano e diritto Tavolare. È stato candidato alle Elezioni Europee 2014 nelle liste del Pd da cui è poi uscito in disaccordo con la linea politica del partito. È tra i fondatori di Possibile in Trentino. Tra le altre attività svolte: è stato collaboratore della Commissione Rodotà per la riforma della Proprietà pubblica, progetto di legge a difesa dei beni collettivi, esperienza che lo ha portato all’impegno sia nei referendum sull’acqua bene comune del 2011, sia a difesa della Costituzione nel Referendum 2016.

 

Antonella Valer, nata a Trento nel 1972, residente a Trento, laureata in economia politica, insegna diritto ed economia al Liceo Rosmini serale e in carcere. Esperta di consumo critico ed economia solidale. E’ stata presidente della coop Car Sharing Trentino, consigliera d’amministrazione di Trentino Trasporti, e promotrice del Ddl di iniziativa popolare sulla mobilità sostenibile in Trentino.

 

Ezio Viglietti, nato a Pescara nel 1948, abitante a Dro (Tn), laureato in Ingegneria Meccanica a Torino. Ha svolto l’attività professionale per circa 40 anni nel settore ferroviario. Ambientalista e da sempre impegnato per la mobilità sostenibile, la salvaguardia del paesaggio e contro il consumo del suolo. Ha partecipato al gruppo promotore del Ddl di iniziativa popolare sulla mobilità sostenibile in Trentino. Dal 2015 è consigliere della Comunità Alto Garda e Ledro. Impegnato nell’introduzione di strumenti di democrazia deliberativa e diretta nei comuni e nelle comunità.