Partono domani i laboratori dedicati alla comunicazione della scienza nelle scuole materne e primarie trentine. Sono 45 le classi prenotate per questa attività didattica promossa dal progetto E-STaR della Fondazione Edmund Mach che mette in campo azioni di prevenzione e contrasto alla diffusione della zanzara tigre, ma anche una iniziativa di educazione alimentare legata alle proprietà salutistiche della frutta, oggetto di numerose ricerche nei laboratori a San Michele.

La “Signora Zanz”; un’allegra ma birichina zanzara che decide di tornare in Asia quando scopre che i bambini imparano a “combatterla” a scuola, vede come primo protagonista delle attività un bambino che salva il Trentino da questa fastidiosa ospite. Lo spirito che anima questo laboratorio si può riassumere nella frase chiave “Sai papà cosa ho imparato oggi a scuola? A combattere la zanzara!” diffusa nelle scuole trentine già durante la scorsa primavera. Sperimentando in prima persona l’iniziativa, il bambino diventa consapevole delle misure da prendere per prevenire la diffusione della zanzara tigre, diventando così un soggetto attivo nel controllo della diffusione di questa specie che, a sua volta, può trasmettere le conoscenze acquisite ai genitori, accrescendo così l’efficacia delle azioni sviluppate con il progetto.

Dedicata alle classi terze, quarte e quinte delle elementari, invece, la proposta didattica “Diventa una star della frutta!” che si articola sul tema del consumo di frutta nell’alimentazione quotidiana. Il protagonista è un piccolo mirtillo che compie un viaggio vitaminico nel corpo umano, durante il quale incontra altri personaggi. Tra di essi, l’intestino che ospita il microbiota: un grande ecosistema composto da miliardi di microrganismi che aiuta il protagonista a trasformarsi in un “mirtillo super eroe” che ci rifornisce con le sue vitamine, fibre e polifenoli.

L’obiettivo è favorire una giocosa presa di consapevolezza da parte dei ragazzi dell’importanza di mangiare ogni giorno alimenti ricchi di frutta e verdura. Allo scopo il laboratorio si completa con un’attività di osservazione al microscopio e su piastre dei batteri che compongono il microbiota, coinvolgendo i bambini in una lettura semplificata delle ricerche condotte presso l’Unità Nutrizione e Nutrigenomica del Centro Ricerca ed Innovazione della FEM sul ruolo svolto dai polifenoli e dal microbiota intestinale.
Le iniziative di didattica innovativa presso le scuole trentine nascono dal progetto di comunicazione scientifica E-STaR della Fondazione Edmund Mach tramite il bando provinciale “I comunicatori STAR della scienza” con l’obiettivo di stimolare curiosità verso l’innovazione e aumentare l’interazione tra i ricercatori e i cittadini trentini.