Forza Italia * Conferenza Coordinatori Regionali: BERLUSCONI ” urgenza di una svolta e grave pericolo per il futuro di tutti costituito dalla presenza DI M5S nel governo della Nazione “

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

Si è riunita oggi a Roma la Conferenza dei Coordinatori Regionali di Forza Italia, presieduta dal Presidente Berlusconi, con la partecipazione del Vice Presidente Antonio Tajani e del Coordinatore della Conferenza Sestino Giacomoni.

La Conferenza è modificata nella sua composizione, per effetto della recentissima nomina dei nuovi coordinatori in sei importanti regioni italiane: Emilia Romagna, Marche, Piemonte, Puglia, Veneto e Valle D’Aosta, ulteriore tappa del processo di rinnovamento di Forza Italia, che ha già riguardato i gruppi parlamentari, e riguarderà nei prossimi mesi la struttura provinciale e comunale.

Su questa materia, nel corso dei lavori è stato richiesto dal Presidente Berlusconi a tutti i Coordinatori il massimo impegno perchè la stagione congressuale, coordinata dal Vice Presidente Tajani, costituisce un obbiettivo prioritario e dev’essere occasione di apertura, di partecipazione per aderenti e militanti, di libera discussione sulle idee, di coinvolgimento delle realtà civiche di centro-destra alle quali proporremo di partecipare, pur rimanendo indipendenti, alle nostre scelte sul territorio.

Passando all’analisi politica, la Conferenza dei Coordinatori ha convenuto sulla grave preoccupazione espressa in questi giorni dal Presidente Berlusconi per le condizioni del Paese, e in particolare per la manovra economica che sta già producendo effetti disastrosi per il risparmio degli italiani, per il lavoro, per la crescita del Paese. A questo si aggiungono le gravi incertezze sull’attuazione delle grandi opere, fino mettere in forse un’infrastruttura fondamentale come la Tav. Tutto questo dimostra l’assoluta inadeguatezza dell’esecutivo in carica, e l’urgenza che i nostri alleati di Centro destra pongano fine al più presto, entro una data certa, ad un governo non solo inefficiente, ma che contraddice ogni giorno le richieste dei settori produttivi del Paese.

Contro le politiche economiche del governo daremo il via ad una grande mobilitazione, per una vera flat tax, per l’alta velocità, per il lavoro, per un’Europa diversa della quale l’Italia dev’essere parte integrante. Tale mobilitazione coinvolgerà l’intero territorio attraverso giornate tematiche, convegni, diffusione di materiale informativo per far capire agli italiani l’urgenza di una svolta e il grave pericolo per il futuro di tutti costituito dalla presenza dei Cinque Stelle nel governo della Nazione.