VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PAT * TAGLI FINANZIAMENTO APT – FAILONI RISPONDE A DALLAPICCOLA: « È NECESSARIO RIDEFINIRE I CRITERI “PRE-COVID” ED I CONTENUTI AMMISSIBILI A FINANZIAMENTO PROVINCIALE »

Pare sia intenzione della Provincia ridurre del 50% il finanziamento alle APT sospendendo il trasferimento della quota residua per il corrente esercizio.
Quest’ipotesi aggiunge incognite ad un generale grado di preoccupazione degli operatori turistici che si troveranno a dover sostenere spese straordinarie per le strutture ricettive per tutte le installazioni/dotazioni DPI da Covid-19 che saranno richieste in fase di loro riapertura a fronte di un ridotto o ridottissimo tasso di occupazione delle strutture stesse.

Non di meno affligge la reiterata intenzione della giunta di voler procedere con la riforma del turismo proprio in uno dei momenti più bui della sua storia.
Il settore abbisogna invece di atti di incoraggiamento con grandi e piccoli gesti di sostegno anche finanziario che nel loro insieme compongano un paniere di aiuti il più composito e multiarticolato possibile. Per questo accanto ai necessari strumenti di finanziamento attivabili con il sostegno di garanzia accessorie (come la garanzia Confidi prevista dal Protocollo Ripresa Trentino) e con la copertura della quota interessi da parte della Provincia, integrata da inevitabili interventi a fondo perduto, si potrebbe allora affiancare l’ipotesi di trasferire, su scala Provinciale, un’ottima iniziativa intrapresa dall’APT di Rovereto.

È cronaca che l’Azienda di promozione lagarina abbia infatti adottato la sospensione della quota di partecipazione degli operatori turistici privati all’APT. L’effetto virtuoso di questa operazione produrrebbe un micro flusso di liquidità proprio a favore degli operatori privati e si potrebbe applicare anche ad APT più strutturate dove la quota di partecipazione privata è molto importante.

Inoltre, rimandando il versamento della tassa di soggiorno fin qui raccolta a data da destinarsi e trattenendola insieme alla quota di partecipazione non versata alla propria APT, gli operatori turistici potrebbero recuperare quelle poche ma importanti migliaia di euro utili alla gestione straordinaria dell’emergenza e dei relativi DPI dei quali abbiamo sopra accennato.

Le iniziative suggerite non potrebbe avere che carattere di transitorietà, ma durante l’intertempo di uscita dalla crisi le Apt, potrebbero beneficiare di una decurtazione meno pesante per i propri bilanci mentre alla Giunta andrebbe suggerito un altro modo di recupero di risorse, per i giusti problemi evidenziati. Infatti, durante questa prossima stagione estiva, molti grandi eventi di natura sportiva e culturale non potranno trovare luogo. Questa sventurata condizione genererà avanzo di amministrazione che ben potrebbe essere reinterpretato nella costruzione di un fondo specifico per gli alberghi in difficoltà dando seguito anche alle giuste preoccupazioni manifestate dalla giunta.

Tutto ciò premesso si interroga la giunta provinciale

per sapere se, d’accordo con le considerazioni in premessa, intenda procedere erogando il 100% del finanziamento alle APT così come stanziato a bilancio di previsione del corrente anno, concordando con le stesse che la quota di partecipazione privata rimanga agli operatori economici.

 

*

Consiglieri Michele Dallapiccola – Paola Demagri – Ugo Rossi

 

 

RISPOSTA ASSESSORE FAILONI

***

La questioni poste dagli Interroganti sono ben chiare a questa Giunta.

Premesso che per le valutazioni in ordine al versamento dell’imposta di soggiorno si rimanda anche alla risposta all’Interrogazione n. 1258/XVI, si precisa che per l’anno 2020 è stato concesso alle APT, come fatto anche gli anni scorsi, un anticipo pari al 50% del finanziamento dell’anno precedente.

Ora però deve essere attentamente valutata l’opportunità di ricalibrare il finanziamento del corrente anno alla luce degli introiti che deriveranno dall’imposta di soggiorno (che incidono per circa i 2/3 del trasferimento alle APT) e dei programmi di attività da effettuare.

E’ evidente che erogare il finanziamento nella misura già stanziata senza considerare i pesantissimi impatti che la crisi generata dalla pandemia COVID-19 ha riversato anche sul settore turistico trentino in termini di più che probabili significative contrazioni nel numero delle presenze, comporterebbe significative difficoltà alle stesse APT e Consorzi Pro Loco, atteso che il trasferimento delle risorse è strettamente connesso, come indicato dalla legge e declinato nei criteri attuativi, dai programmi di attività presentati.

I programmi attualmente presentati sono stati definiti nel periodo “pre-covid-19” e quindi impostati su un’annualità turistica “ordinaria”; oggi, iniziative previste inserite in detti documenti di programmazione, non sono più realizzabili o certe (a titolo di esempio si cita il rinvio degli Europei di ciclismo di settembre o la sospensione di eventi come il Festival della Montagna, il Festival dell’Economia oltre al fatto che al momento le prenotazioni nel ricettivo sono di fatto sospese).

È pertanto necessario ridefinire prima di tutto i criteri ed i contenuti delle attività che potranno essere poste in essere dal sistema promozionale locale e ammissibili a finanziamento per poter qualificare il trasferimento provinciale.

E’ infatti cosa nota anche agli interroganti che l’Amministrazione può confermare l’erogazione delle risorse solo per ciò che poi viene ammesso ed effettivamente rendicontato.

Questa Giunta è fortemente impegnata ad assicurare il pieno sostegno al settore turistico, mettendo in campo tutti gli strumenti normativi, finanziari e organizzativi funzionali a favorire la ripresa economica del nostro territorio.

Pieno rispetto si esprime di fronte a precise scelte aziendali, quali quelle dell’APT della Vallagarina citata dagli Interroganti, di non richiedere la quota di partecipazione privata, evidenziando però come questa Provincia non possa legittimamente promuovere analoghe iniziative presso le altre realtà del nostro territorio.

Distinti saluti.

 

– Roberto Failoni –

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2020/05/IDAP_1354340.pdf”]

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2020/05/IDAP_1341447.pdf”]