VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PAT * GRANDE GUERRA: KASWALDER, « LA COOPERAZIONE TRA TRENTINO, TIROLO AUSTRIACO E SUDTIROLO ITALIANO RAPPRESENTA UNA DOVEROSA RIPARAZIONE DEL PASSATO »

Oggetto: Giornata del ricordo di tutti i caduti e le vittime trentine della Grande Guerra.

Era il 13 settembre 2017, quando il Consiglio provinciale di Trento approvò – all’unanimità – una legge di pochi articoli, la numero 11. Con essa è stata istituita la Giornata del ricordo di tutti i caduti e le vittime trentine della Grande Guerra, poi fissata al 14 ottobre di ogni anno.

In quella data d’autunno, nel 1914, si svolse la battaglia sul fiume San, nella Galizia polacca orientale, dove i nostri nonni e bisnonni Kaiserjaeger morirono in grande numero, cercando di contenere l’avanzata russa.

Tanti lutti, tanto dolore. Uno strazio che non risparmiò le nostre nonne, sfollate con le famiglie – a partire dall’entrata in guerra dell’Italia – nei campi di Braunau e di Mitterndorf, ma anche nel Regno d’Italia, in una drammatica epopea che ha segnato per sempre quelle generazioni e anche la nostra memoria collettiva.

Sabato scorso sono stato in alta montagna, al santuario di Lazfons sopra Chiusa, dove è stata commemorata un’altra pietra miliare della sofferta storia trentina e tirolese, ossia il centenario dell’annessione all’Italia, al termine proprio della Grande Guerra.

Sono snodi – questi – che spiegano il nostro complesso presente e che danno un senso a impegni istituzionali come quello che ci vede in prima linea, oggi, per il progressivo riempimento di contenuti della cornice Euregio. La cooperazione e interazione tra Trentino, Tirolo austriaco e Sudtirolo italiano rappresentano – proprio come la Giornata che onoriamo oggi, senza guardare a quale divisa vestirono i soldati rimasti sul campo – una doverosa riparazione del passato.

Rappresenta anche – l’evoluzione dell’Euregio – una prospettiva di pace, di sviluppo economico, in definitiva di futuro per tutta l’area storica tirolese. Ricordiamoci che tutto questo dobbiamo spiegarlo anzitutto ai giovani, raccontarlo agli studenti, come tra l’altro prevede espressamente proprio la l.p. 11/2017 di cui sopra. Una parte in questa direzione la sta facendo anche il Consiglio provinciale, con lo strutturato programma di incontri, appena avviato, per avvicinare le scuole di ogni ordine e grado, parlando ai ragazzi di storia da conoscere e rispettare, di presente e di avvenire da inventare e costruire.

 

*

Il presidente
del Consiglio provinciale
di Trento
Walter Kaswalder