VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONFCOMMERCIO – TRENTO * NOMINE: « LA GIUNTA ESECUTIVA HA RINNOVATO LA FIDUCIA A GIOVANNI BORT, ALL’UNANIMITÀ È STATO RICONFERMATO PRESIDENTE »

Giovanni Bort è stato acclamato all’unanimità dalla Giunta esecutiva alla guida di Confcommercio. L’organo direttivo dell’associazione stamattina ha confermato la fiducia al presidente uscente anche alla luce dei risultati ottenuti durante l’ultimo quinquennio, pur caratterizzato dall’esplosione della pandemia che sta provando duramente l’intero settore del terziario. Su indicazione del presidente Bort la Giunta ha anche eletto i vicepresidenti Massimo Piffer (che sarà anche vicario), Fabia Roman, Mauro Bonvicin e Mario Oss, ai quali si aggiunge Marco Fontanari, vicepresidente di diritto in quanto presidente della Sezione autonoma Rovereto e Vallagarina. La Giunta ha altresì eletto amministratore Emanuele Bonafini. La riunione odierna conclude il lungo percorso di rinnovo delle cariche associative iniziato a gennaio.

Si è riunita questa mattina la nuova Giunta esecutiva di Confcommercio Trentino, presieduta dal componente più anziano Gianfranco Bazzocco. All’ordine del giorno, l’elezione del presidente di Confcommercio Trentino e dell’Ufficio di presidenza, atto conclusivo del lungo percorso di rinnovi delle cariche associative iniziato a gennaio, come ha ricordato il direttore generale di Confcommercio Trentino Giovanni Profumo. Il direttore ha anche ringraziato l’intera struttura dell’Unione per il grande impegno dimostrato in mesi particolarmente difficili, durante i quali l’iter dei rinnovi si è aggiunto alla già complessa gestione delle conseguenze della pandemia.

Prima dell’inizio dell’assemblea il presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli ha voluto porgere il proprio saluto in videocollegamento da Roma. Sangalli ha ricordato il momento straordinariamente difficile per il terziario, sottolineando tuttavia il grande sforzo compiuto dall’associazione che è rimasta ininterrottamente a fianco delle imprese.

Al termine del videocollegamento, la riunione è stata ufficialmente aperta con la proposta del vicepresidente vicario uscente Massimo Piffer di confermare alla guida dell’associazione per il quinquennio 2021-2025 Giovanni Bort. Una proposta salutata da un applauso e dalla successiva votazione all’unanimità. Su indicazione di Bort, il consesso ha proceduto alla nomina – sempre all’unanimità – dell’ufficio di presidenza composto da Massimo Piffer, vicepresidente con funzioni vicarie, Fabia Roman, Mauro Bonvicin e Mario Oss, vicepresidenti. L’ufficio di presidenza è composto anche da Marco Fontanari, vicepresidente di diritto in quanto presidente della sezione Autonoma Rovereto e Vallagarina. Emanuele Bonafini è stato confermato amministratore.

«Il sistema economico di Confcommercio Trentino – ha detto il presidente Bort ringraziando per l’ulteriore fiducia accordatagli – è frutto dell’intuizione di chi ci ha preceduto e del lavoro degli anni successivi che ci consentono di poter fare sindacato con più forza e più attenzione verso gli associati che rappresentiamo. Oggi dobbiamo fare i conti con la pandemia, le cui conseguenze economiche sono ricadute quasi esclusivamente sul nostro settore. Chiedo per questo a tutta la Giunta e all’intera organizzazione un supplemento di collaborazione, partecipazione e presenza, per proiettare al futuro il nostro impegno costante e quotidiano».

Bort ha ricordato la crescita di Confcommercio Trentino, certificata dal numero di consiglieri espressi in Camera di Commercio, passati da 7 a 15 per l’associazione: «Siamo la vera rappresentanza del terziario in provincia di Trento, che significa circa il 50% del Pil e dell’occupazione provinciale. Continueremo il lavoro svolto finora, cercando sempre più tutela per i nostri associati e chiedendo a gran voce che il governo nazionale e quello provinciale considerino ristori che siano veramente efficaci per il settore. Già lunedì questa Giunta incontrerà il presidente Fugatti e gli assessori Spinelli e Failoni ai quali rappresenteremo la nostra situazione e chiederemo adeguati provvedimenti».