News immediate,
non mediate!

ZANELLA (FUTURA) * DIRITTI CIVILI: « OGGI LA “TAGLIOLA” DEL SENATO HA DECAPITATO I DIRITTI DI UNA MINORANZA DI CITTADINI DI ESSERE TUTELÀTI DA AGGRESSIONI – VESSAZIONI – DISCRIMINAZIONI »

Scritto da
16:46 - 27/10/2021

Oggi la “tagliola” del Senato ha decapitato i diritti di tutte e le speranze di una minoranza di cittadini di vedersi finalmente tutelatə da aggressioni, vessazioni, discriminazioni. Ancora una volta è mancato il coraggio di far fare al nostro Paese un passo avanti contro le discriminazioni. Ancora una volta una legge che tuteli la comunità LGBT+ attenderà la legislatura successiva per provare a vedere la luce.

Avevo poche speranze che si arrivasse ad approvare il ddl Zan, non sono ingenuo, sono perfettamente consapevole dell’arretratezza culturale di questa povera patria. Moltə parlamentari sono da sempre contrari ideologicamente all’ampliamento dei diritti. Alcuni, invece, favorevoli a parole alla Legge, hanno pensato che si potessero cercare mediazioni con loro. Come se chi fa sfregio quotidiano dei diritti delle minoranze potesse avere davvero interesse all’approvazione di questa legge.

Non è possibile mediare sui diritti delle persone. Peggio se lo si fa per un tornaconto elettorale. Una legge contro le discriminazioni non può discriminare. Così sarebbe successo con una mediazione: si sarebbe esclusa la tutela di persone con identità di genere di minoranza e si sarebbe sancita l’autonomia delle scuole di discriminare. Impensabile.

Meglio allora che si sia andati dritti, senza indugi. Una legge che non tutela le persone trans e che non punta sulla prevenzione nelle scuole non è la legge di cui ha bisogno la comunità LGBT+. La responsabilità di averla fossata – celata dal voto segreto – è di chi non ha avuto il coraggio di fare quadrato a difesa di una comunità, ancora oggi vittima di un Paese omofobo e transfobico, evidentemnte anche nelle sue più alte Istituzioni.

 

*

Paolo Zanella

Consigliere provinciale del Trentino – Futura

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.