News immediate,
non mediate!

CIA (FDI – TRENTINO) * DDL ZAN: « AL SENATO GRAZIE AL NOSTRO PARTITO E ALLA LEGA FERMATO UN PROVVEDIMENTO CHE VUOLE SDOGANARE L’IDEOLOGIA GENDER E LE LOBBY LGBTQ+ NELLE SCUOLE »

Scritto da
16:27 - 27/10/2021

Stop Ddl Zan, Cia (FdI): “Grazie a FdI e Lega fermato un provvedimento che vuole sdoganare l’ideologia gender e le lobby LGBTQ+ nelle scuole”.

Nella giornata di oggi, il Senato della Repubblica italiana – a scrutinio segreto – ha votato a favore della proposta di Fratelli d’Italia e Lega sul ddl Zan per evitare l’esame degli articoli e degli emendamenti e andare direttamente verso il voto finale del testo (hanno votato a favore 154 senatori, 131 i contrari e 2 gli astenuti).

Questo intervento, come sottolineato anche dal proponente Alessandro Zan poco prima della votazione a “L’aria che tira”, potrebbe significare lo stop definitivo della legge.

Esprimo soddisfazione per questo risultato, posto che il vero obiettivo di questo disegno di legge non era tanto la tutela dei diritti civili e la lotta all’omotrasfobia (principi ai quali nessuna persona dotata d’intelletto può dichiararsi contraria) quanto piuttosto quello di sdoganare cinicamente l’ideologia gender e stendere un tappeto rosso per le lobby LGBTQ+ all’entrata delle scuole, con lo scopo di interferire nell’educazione di bambini e ragazzi per orientarne lo sviluppo affettivo.

Lo prova il fatto che appena è stato palesato questo tentativo, le forze politiche di sinistra hanno cercato di forzare i tempi di discussione e rifiutando ogni mediazione che aveva lo scopo, non di negare diritti, ma di liberare il ddl Zan da preoccupanti contaminazioni ideologiche di parte.

A parere del sottoscritto è chiaro che i diritti civili non vadano confusi con quelli ideologizzati di una determinata categoria di persone. E’ inoltre evidente come la famiglia rappresenti il naturale luogo di crescita ed educazione di una persona, che non abbisogna quindi di condizionamenti esterni destinati meramente a generare confusione e incertezza. I diritti sono civili solo se si pongono prioritariamente a difesa dei diritti dei bambini e della famiglia.

 

*
Cons. Claudio Cia
Presidente del Gruppo Consiliare Fratelli d’Italia

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.