News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

GIFFONI FESTIVAL: TRENTINO FILM COMMISSION, RICONOSCIMENTO PER “NON GIOCO PIÙ”

Scritto da
06.46 - mercoledì 12 luglio 2017

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Il film di Sebastiano Luca Insinga, prodotto da Jump Cut, è sostenuto da Trentino Film Commission. “Non gioco più” al Giffoni Film Festival.

Nuovo riconoscimento per una produzione sostenuta da Trentino Film Commission: in occasione della 47ma edizione del Giffoni Film Festival, all’interno della sezione competitiva “Parental Control – Destinazione Italia”, venerdì 21 luglio verrà proiettato in prima visione “Non gioco più”.

Il cortometraggio diretto da Sebastiano Luca Insinga, prodotto da Jump Cut, racconta l’adolescenza come momento delle scelte, una strada verso l’età adulta costellata di decisioni, giuste o sbagliate, che faranno crescere influenzando la propria vita e quella dagli altri.

“Non gioco più” è stato inoltre già selezionato anche al Lucania Film Festival, in programma ad agosto.

“Non gioco più” è stato girato interamente a Maratea, con attori non professionisti individuati durante i casting diretti da Vania Cauzillo per “L’Albero – tutti i rami della creatività”.

La fotografia è firmata dal romano Leone Orfeo. Le musiche sono dei Marlene Kuntz, band con cui il regista collabora dal 2013. La produzione è stata curata da Gianpaolo Smiraglia, Luigi Pepe e Simone Cargnoni della casa di produzione trentina Jump Cut.

Il cortometraggio diretto da Sebastiano Luca Insinga è stato selezionato e sviluppato all’interno di Nisi Masa European Short Pitch 2015 ed è stato realizzato grazie al contributo di Mibact, Lucana Film Commission, Trentino Film Commission.

 

*

“Non gioco più”, titolo internazionale: “Lost Summer”, durata: 13’23’’
Cast: Alice Verrastro (Alice), Pasquale De Giacomo (Martino), Rocco Angelo Agatiello (Fabio), Graziano Arcuri (Giuseppe), Marika Bloise (Francesca), Federica Bonavoglia (Marilisa), Pasquale Macchia (Rubik), Vincenzo Navarro (Antonio), Ornella Senesi (Elena), con l’amichevole partecipazione di Bruno Pizzul.

Sinossi: 17 Luglio 1994. Italia e Brasile giocano la finale dei mondiali di calcio. Dall’altro lato dell’oceano, in un paesino del sud Italia, Martino ha l’ultima occasione per conquistare Alice.

Ma il tempo scorre. Arrivano i calci di rigore. Martino, come Roberto Baggio, è di fronte al momento decisivo.

Il regista: Sebastiano Luca Insinga, Catania, 15 novembre 1984. Durante gli studi in Lettere, a Trento, inizia a sperimentare il video e la fotografia come mezzo espressivo e ideale.

Nel 2008 realizza il mio primo cortometraggio Maledetta Primavera, attraverso filmati familiari in super8. Nel 2012 partecipa al Berlinale Talent Campus con il documentario Nulla è Accaduto e nel 2013 a Film Factory Italia, dove ho diretto Cristiana Capotondi in Hands.

Viene selezionato al Nisimasa European Short Pitch 2015 con la sceneggiatura di “Non gioco più” (ex Odio l’estate). Nel 2015 dirige il documentario “Marlene Kuntz.

Complimenti per la festa”, evento speciale del 56° Festival dei Popoli di Firenze.

 

 

 

 

Foto: da comunicato stampa

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.