VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

CARABINIERI – TRENTO * « FURTO AGGRAVATO AI DANNI DEL NEGOZIO DI ABBIGLIAMENTO “ KT STORE ” DI VIA DEL SIMONINO, RINTRACCIATO E ARRESTATO L’AUTORE »

Questa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Trento hanno tratto in arresto J. B., 24 enne di origine senegalese, per furto aggravato ai danni del negozio di abbigliamento “KT Store” di via del Simonino.

Poco prima, richiamato dal rumore, un cittadino ha allertato il Numero Unico di Emergenza 112, segnalando la presenza di un uomo, che stava asportando alcuni borsoni e capi di vestiario dal negozio, dopo averne infranto la vetrina.

I militari giunti sul posto, hanno constato l’effrazione e l’ammanco di diversi capi di abbigliamento e si sono posti subito alla ricerca del responsabile, sulla base degli elementi descrittivi acquisiti nell’immediato da alcuni testimoni.

Nel corso della perlustrazione per le vie limitrofe, i Carabinieri hanno prima rinvenuto la refurtiva, occultata tra alcuni arbusti nel vicino parco Santa Chiara e a poca distanza, hanno notato un soggetto che si aggirava e che assomigliava a quello descritto dai testimoni, ma soprattutto indossava una felpa nuovissima, dello stesso brand dei capi asportati durante il furto.
La merce, per un valore complessivo di circa 3.600 euro, è stata interamente recuperata e riconsegnata al legittimo proprietario, mentre il ladro alla ricerca di capi griffati, è stato accompagnato in caserma, in stato di arresto e sarà trattenuto in attesa, di essere sottoposto a giudizio per direttissima.

 

*

 

Questa notte, in un bar del centro a Riva del Garda, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile e della Stazione di Arco hanno tratto in arresto un 28enne di origini cubane, responsabile di resistenza e oltraggio a Pubblico ufficiale, che all’arrivo dei militari, intervenuti su richiesta, è stato trovato all’interno del locale, mentre dava in escandescenze e cercava di colpire un’altra persona.

L’equipaggio ha inutilmente cercato di ricondurre l’uomo alla calma, ma F.G.A.M., non solo non ha dato cenno di quietarsi, bensì si è scagliato contro gli stessi Carabinieri, ingaggiando una colluttazione, nel corso della quale è stato placato, impedendogli di creare ulteriori turbative e conseguenze.

Per quanto è emerso dagli accertamenti, l’arrestato, in preda ai fumi dell’alcool, poco prima aveva indirizzato alla cameriera del locale apprezzamenti volgari e assolutamente sgraditi e la donna -turbata dal suo comportamento e conscia che non avrebbe desistito dall’infastidirla- ha chiesto aiuto al proprio fidanzato, che è accorso immediatamente.

All’arrivo di questi, nel locale si è immediatamente acceso un diverbio tra i due, che poco dopo è degenerato in una vera e propria aggressione fisica, da parte dell’avventore molesto ai danni del fidanzato della donna, conclusosi soltanto con l’intervento dei militari.

F.G.A.M. è attualmente ristretto presso il proprio domicilio, in attesa di essere condotto dinanzi al Giudice per la convalida dell’arresto.