News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LETTERE AL DIRETTORE

APT DOLOMITI PAGANELLA (TN) * ‘FUTURE LAB’: “ POSSIBILE ‘CAMPEGGIO-VILLAGGIO 5 STELLE’, NOI NON COINVOLTI MA DISPONIBILI PER INDIVIDUARE MODELLI PROGETTUALI “

Scritto da
14.47 - martedì 24 gennaio 2023

L’Apt Dolomiti Paganella, in qualità di coordinatore del progetto partecipativo “Dolomiti Paganella Future Lab” (progetto avviato nel 2019 ed entrato lo scorso anno nella fase attuativa, denominata “Future Lab 2.0”, durante la quale si sta dando corpo a quanto condiviso dalla comunità nell’incontro pubblico del 29 ottobre 2021 con l’approvazione della “Carta Valori” e del “Catalogo progetti”, intraprendendo un percorso per un turismo di qualità, sempre più in equilibrio con l’ambiente naturale e culturale del territorio) ritiene opportuno chiarire la posizione dello stesso “Future Lab” in merito al possibile progetto del “campeggio-villaggio a 5 stelle” in località “I Priori” di Cavedago di cui si è parlato in questi giorni sulla stampa.

Nei suddetti articoli si richiama, infatti, il progetto “Future Lab”, evidenziando come il modello di sviluppo pensato per il possibile campeggio dei Priori sia per diversi aspetti contradditorio con le finalità stesse del Future Lab, con il rischio di “offuscare”, in termini di coerenza, la valenza del progetto, diventato in questi anni un “esempio virtuoso” studiato da diverse università e destinazioni turistiche italiane e straniere.

Senza entrare nel merito della delibera del Consiglio comunale di Cavedago, per la quale la stessa Apt esprime il massimo rispetto, e pur nella consapevolezza, così come evidenziato sulla stampa dal Sindaco di Cavedago Corrado Viola, che non esiste al momento nessun progetto concreto, non si può fare a meno, tuttavia, di evidenziare che nel processo che ha portato alla decisione dell’Amministrazione comunale di Cavedago il “Future Lab” non è stato coinvolto, pur trattandosi di un’iniziativa che, per la sua importanza, è destinata a produrre, direttamente e indirettamente, effetti a cascata su tutta la destinazione turistica Dolomiti Paganella.
«Senza vena polemica, ma per dovere di chiarezza nei confronti del “Future Lab” – evidenziano il Presidente e il Direttore dell’Apt Dolomiti Paganella, rispettivamente, Michele Viola e Luca D’Angelo – non possiamo nascondere l’amarezza per non essere stati coinvolti, non potendo mettere a disposizione dell’Amministrazione comunale di Cavedago l’esperienza e le competenze del Future Lab su modelli progettuali di lungo respiro (come nel caso in questione) maturate grazie anche all’importante presenza di consulenti nazionali e internazionali che fanno parte del pool di lavoro.

Esperienza che siamo sempre disponibili a condividere con l’Amministrazione comunale, consci dell’importanza che il progetto del camping riveste sia per la comunità di Cavedago, ma anche, in un’ottica di sistema, per tutta la nostra destinazione turistica. L’area dove dovrebbe nascere il campeggio rappresenta, infatti, una delle zone di maggiore pregio del nostro comprensorio e a maggior ragione dovrà costituire in futuro un tassello fondamentale della nostra offerta turistica così come delineata dal Future Lab. Tuttavia, pur considerando i requisiti di sostenibilità ed ecocompatibilità richiesti per le opere oggetto dell’asta pubblica per la costituzione del diritto di superficie cinquantennale sul terreno, dal modello progettuale che si evince dallo stesso bando (la capacità ricettiva del campeggio-villaggio non inferiore a 1.000 persone, paragonabile, per diversi aspetti, alla popolazione media residente in alcuni comuni dell’altopiano) e considerando tutti i possibili impatti sul “sistema destinazione”, a cominciare per esempio dai trasporti pubblici per gli ospiti, come Future Lab, riteniamo che questo modello progettuale abbia bisogno di ulteriori approfondimenti. In un sistema complesso come la destinazione Dolomiti Paganella, una singola decisione è destinata a impattare su tutta la comunità, per questo ribadiamo la massima disponibilità per aiutare il Comune di Cavedago a individuare possibili modelli progettuali in linea con le indicazioni del “Catalogo Progetti” e della “Carta Valori” del Future Lab».

Nel rispetto assoluto delle prerogative degli organi amministrativi comunali, l’intervento di Apt come coordinatore dei lavori del Future Lab, deve quindi essere interpretato in senso costruttivo, invitando a considerare il modello di lungo respiro del camping-villaggio in un’ottica di sistema secondo le linee emerse e condivise del Future Lab, valutando anche le criticità evidenziate in questi giorni sulla stampa come un’occasione per migliorare ancora di più un’iniziativa destinata a far diventare negli anni l’area di Priori un fiore all’occhiello di tutta la nostra destinazione turistica.

Categoria news:
LETTERE AL DIRETTORE

I commenti sono chiusi.