Chiodi a tre punte gettati all’alba sulla Torino-Bardonecchia: veicoli della Polizia danneggiati e A32 chiusa per quattro ore. Stefano Paoloni: “Questa è guerra civile. La situazione è sempre più incandescente e la politica continua a non dare risposte”.

Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia, riguardo quanto accaduto alle prime luci dell’alba di oggi sull’A32: “Qualcuno ha gettato chiodi a tre punte sull’autostrada Torino-Bardonecchia – spiega Paoloni – proprio prima del passaggio dei nostri mezzi diretti al cantiere TAV. Otto veicoli danneggiati e rischi enormi per gli occupanti. Danni ingenti e autostrada chiusa per quattro ore. Questa è guerra civile, nella piena indifferenza di chi ha la responsabilità della sicurezza del paese”.

“Solo qualche giorno fa ho scritto al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese -prosegue Paoloni – segnalando la grave situazione della Val di Susa dove un campanello d’allarme era suonato già molto forte: colleghi a pranzo dopo il servizio al cantiere TAV sono stati cacciati da scalmanati non solo da tavola, dove stavano pranzando dopo un servizio di Ordine Pubblico, ma anche dal paese”.

“Quanto accaduto questa notte, nella piena indifferenza di tutti – conclude Paoloni – è la conferma che la situazione è incandescente. La politica deve intervenire, non può lasciare il cerino in mano alle Forze dell’Ordine e costringerle a rischiare, ogni giorno, la propria incolumità. La misura è colma”.