VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * OLIMPIADI INVERNALI 2026: FAILONI, « LA PAT CREDE NELLA SEDE DI BASELGA DI PINÉ, UN’OPPORTUNITÀ CHE NON POSSIAMO E NON VOGLIAMO PERDERE »

Olimpiadi invernali del 2026, Failoni: “La Provincia crede nella sede di Baselga di Piné”.

“Per quanto riguarda gli interventi strutturali a Baselga di Piné, necessari per confermare in Trentino le gare olimpiche di pattinaggio di velocità nel 2026, la Provincia autonoma di Trento si è sempre mostrata disponibile a ragionare attorno a qualsiasi ipotesi tecnica considerata, dagli organismi deputati a decidere, come realizzabile e sostenibile. In particolare, se si dovesse optare per una soluzione all’aperto siamo convinti che sia assolutamente percorribile la scelta della sede di Baselga di Piné, per la quale la Provincia è pronta a fare la sua parte dal punto di vista economico”. Lo sottolinea l’assessore provinciale allo sport Roberto Failoni, in risposta al dibattito che si è sviluppato attorno all’ipotesi che sia scelta in alternativa la sede di Milano.

“Le Olimpiadi invernali 2026 – aggiunge l’assessore Failoni – sono uno straordinario volano promozionale per il nostro territorio, un’opportunità che non possiamo e non vogliamo perdere. Per questo abbiamo mostrato da subito la nostra disponibilità e per questo intendiamo fare la nostra parte fino in fondo. Vogliamo che siano valorizzate strutture e ambiti territoriali del Trentino che hanno già mostrato una vocazione nelle discipline sportive oggetto delle gare olimpiche.

Siamo convinti anche noi che il tema della sostenibilità degli investimenti nel tempo sia cruciale e non intendiamo sottrarci al confronto anche su questo. Per questo ci siamo sempre mostrati favorevoli anche a soluzioni strutturali outdoor. Sulla possibilità di questa scelta si dovranno però pronunciare gli organismi tecnici preposti. Noi vogliamo continuare a confrontarci, anche su questo, con la Fondazione Milano – Cortina 2026 e con il C.I.O., convinti che la scelta di Baselga di Piné sia praticabile e percorribile, anche in un’ottica di sostenibilità”.