VIDEONEWS & sponsored

(in )

PAT – MUSE * TANZANIA: INAUGURATO IL CENTRO VISITATORI PARCO NAZIONALE MONTI UDZUNGWA, PRESENTI L’ASSESSORA FERRARI E IL DIRETTORE LANZINGER

Presenti alla cerimonia l’assessora Ferrari, il direttore del Museo Lanzinger, l’ambasciatore italiano Mengoni e il viceministro al turismo e ambiente Hasunga. Biodiversità e turismo sostenibile: Provincia e Muse inaugurano il Centro visitatori del Parco nazionale dei Monti Udzungwa in Tanzania

Coinvolte nelle attività di educazione ambientale le associazioni Mazingira e Nadir Cosa può fare il Trentino per l’Africa? Può, ad esempio, partire dalla sua esperienza e dalle sue competenze nella ricerca scientifica, nella tutela dell’ambiente, nel turismo sostenibile, e condividerle con territori ancora poveri ma che denotano un elevato potenziale di crescita.

Lo si è visto nei giorni scorsi in Tanzania, nel parco dei monti Udzungwa – circa 2.000 chilometri quadrati di foreste, un terzo del Trentino – dove la Provincia autonoma di Trento, con l’assessora alla cooperazione internazionale Sara Ferrari, e il Muse-Museo della scienza di Trento, con il suo direttore Michele Lanzinger, hanno inaugurato un nuovo centro per i visitatori. Il Muse, con il suo centro di monitoraggio sui monti Udzungwa, è l’unico museo italiano ad avere una sede permanente all’estero.

Ora però la presenza trentina qui si arricchisce di una nuova struttura, che si compone di un edificio dedicato alla presentazione di questo stupefacente angolo di Africa, tra i più ricchi di biodiversità del Continente (400 specie di uccelli, oltre 120 di mammiferi, 2500 di piante, per non dire degli insetti e dei rettili, con molte specie ancora da catalogare), e di un’aula didattica: entrambe al servizio degli ecoturisti, degli studenti e dei ricercatori che periodicamente visitano il parco, ma anche delle popolazioni locali, in particolare delle scuole dei villaggi vicini.

Alla cerimonia hanno partecipato, oltre all’architetto che ha curato il progetto del Centro, Flavio Ridolfi, alle autorità del distretto di Iringa, dove ha sede il parco, al direttore generale della Tanapa, l’ente che gestisce i parchi nazionali del Paese, Allan Kijazi, anche l’ambasciatore italiano in Tanzania Roberto Mengoni e il viceministro all’ambiente e turismo Japhet Asunga.

Presenti in Tanzania anche i rappresentanti delle associazioni Mazingira e Nadir Silvia Ricci e Mario Ridolfi, che lavorano nel settore dell’educazione ambientale e della sostenibilità ecologica (un progetto, “TanzaMia”, coinvolge Dolomiti Energia), il dirigente del Servizio per le Attività internazionali della Provincia Raffaele Farella e la direttrice del Centro Ricerca e innovazione della Fondazione Mach Annapaola Rizzoli, in Tanzania per esplorare la possibilità di future partnership scientifiche e di assistenza tecnica nel campo dello sviluppo agricolo. L’occasione è stata importante anche per verificare sul campo alcuni dei progetti – sono oltre 200 quelli realizzati in Tanzania dalle associazioni trentine dal 2005 – rivolti alle comunità locali, sostenuti dalla Provincia autonoma di Trento.