La Giunta provinciale a Cembra. Proseguono gli incontri dell’esecutivo con il territorio.

Nuovo appuntamento sul territorio per l’amministrazione provinciale: oggi il consueto incontro del venerdì si è tenuto a Cembra dove ad aspettare il presidente e gli assessori c’era una folta rappresentanza della valle: accanto al sindaco e ai locali amministratori, anche referenti delle associazioni culturali e sportive, forze dell’ordine, vigili del fuoco e corpo forestale. “Dopo la tempesta Vaia abbiamo avviato questa iniziativa di recarci sui centri trentini – sono state le parole del presidente – e via via abbiamo constatato l’apprezzamento dei territori per questa modalità che consente di avvicinare la Provincia alle amministrazioni locali e alle comunità e che ci rende maggiormente partecipi delle problematiche e delle richieste delle valli”. Parole riecheggiate dal vicepresidente che ha parlato di “un’occasione di confronto” e dell’importanza di dimostrare vicinanza e sensibilità.

Il primo cittadino, nel ringraziare l’amministrazione provinciale per l’incontro odierno, ha sollevato alcune tematiche. La prima riguarda la crisi occupazionale legata all’andamento del settore del porfido e più in generale dell’edilizia: “Per questo – ha commentato il sindaco – vorremmo sviluppare le potenzialità turistiche della valle e stiamo guardando con molto attenzione alla riforma provinciale del turismo”.

Altro ambito è la mobilità: oltre alla necessità di risolvere alcune strozzature sulla statale che rendono difficoltoso il transito soprattutto per i mezzi pesanti, l’amministrazione comunale è impegnata a creare un collegamento ciclopedonale dalla val di Cembra fino alla val di Fiemme; fra gli argomenti sollevati dal sindaco anche il collegamento ferroviario con la val di Fiemme e la richiesta di rendere più flessibili gli interventi urbanistici nei centri storici, al fine di salvaguardare i centri storici e risparmiare il suolo.

E proprio sui centri storici il presidente ha anticipato una delle prossime decisioni dell’esecutivo, quella che consentirà di finanziare la riapertura non solo dei multiservizi, ma anche dei piccoli negozi commerciali.