VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PROVINCIALE TRENTO * III COMMISSIONE: « IL DDL 22 “MODIFICA NORMATIVA PROVINCIALE DEL 2013 SU VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE” PROPOSTO DALLA GIUNTA VERRÀ ESAMINATO MARTEDÌ 20/8 »

Il 20 agosto in III Commissione le consultazioni, l’esame e il voto del testo proposto dalla Giunta. Cambia la legge sulla Via: in arrivo il provvedimento autorizzatorio unico provinciale (Paup)

Sulle strade la competenza è della Pat. In allegato, il ddl e l’articolo sulla presentazione di Tonina.

Il Consiglio provinciale tornerà al lavoro martedì 20 agosto con la Terza Commissione, convocata dal presidente dell’organismo, Ivano Job (Lega Salvini Trentino). Obiettivo: aprire con le consultazioni al mattino e di chiudere con la discussione e il voto entro il pomeriggio, l’esame del disegno di legge 22 proposto dall’assessore competente, Mario Tonina, che l’aveva già presentato all’organismo il 23 luglio scorso, per rivedere la disciplina sulla valutazione di impatto ambientale. Il testo è formato da 24 articoli e mira a modificare la normativa provinciale sulla Via del 2013, in particolare per quanto riguarda la procedura per il rilascio delle autorizzazioni. Altre norme aggiornate dal ddl si riferiscono al Parco nazionale delle Stelvio di cui tratta la legge provinciale sulla protezione della natura e delle foreste del 2007.

Nella relazione illustrativa, l’assessore spiega che il ddl adegua la legge provinciale alla riforma della Via approvata a livello nazionale con il decreto legislativo 104 del 2017, riforma che ha modificato il Testo Unico Ambiente del 2006. La riforma nazionale, prosegue Tonini, ha previsto un diverso riparto tra Stato e Regioni delle competenze sulla Via. Due le novità introdotte dal ddl della Giunta. La prima è l’esplicito rinvio alla normativa statale sulla Via. Rinvio che però riafferma chiaramente la competenza provinciale sulla Via per quanto riguarda i progetti di viabilità stradale (come prevede una specifica norma di attuazione dello Statuto di autonomia del 1974). La seconda novità – che per Tonina è la più rilevante – consiste nel provvedimento autorizzatorio unico provinciale (Paup) che consentirà agli imprenditori impegnati con interventi sottoposti a Via, di acquisire contestualmente anche tutti gli altri titoli abilitativi necessari per la realizzazione e l’esercizio del progetto, compresi quelli che esulano dalla competenza provinciale. Si tratta per l’assessore di un’importante semplificazione che si inserisce nel processo aperto in tal senso dalla legge provinciale 2 approvata nel giugno scorso.

Il programma delle audizioni che la Terza Commissione effettuerà la mattina del 20 agosto comprende gli interventi, nell’ordine, del Consiglio delle autonomie locali – Consorzio dei comuni trentini, del Comitato interprofessionale ordini e collegi professionali della provincia di Trento; del Coordinamento provinciale imprenditori; della Commissione internazionale protezione delle Alpi (Cipra), di Legambiente – circolo di Trento, del Fondo per l’ambiente italiano (FAI) – delegazione di Trento, del Wwf – sezione Trentino – Alto Adige, di Mountain Wilderness Italia e di Italia Nostra – sezione trentina. Nel pomeriggio l’organismo è invece convocato per la discussione, l’esame degli articoli e il voto finale del testo proposto dalla Giunta.