START UP TRENTINO: INDAGINE CONTRIBUTI COMUNITARI PAT

Intervista Procuratore regionale Corte Conti dottor Marcovalerio Pozzato

Alla presenza delle associazioni combattentistiche e d’arma, autorità e numerosi cittadini, sono state commemorate oggi al Monumento ex Internati di Piazzale Orsi le vittime di una delle più tragiche pagine della storia, legata allo sterminio nazista del popolo ebraico. L’orazione ufficiale è stata tenuta dalla vicensindaca Cristina Azzolini, a nome del sindaco Francesco Valduga (impossibilitato per concomitante impegno nel capoluogo).

In rappresentanza del sindaco di Avio c’era l’assessore Franco Franchini che tra l’altro è figlio di un ex-internato.

“Quando ero giovane leggevamo a scuola il diario di Anna Frank” ha esordito Cristina Azzolini “e all’epoca pensavo che fu tanto e tragico quell’orrore che non si sarebbe mai potuto ripetere qualcosa di simile ed invece ci troviamo in un mondo di altri reticolati e atri orrori ed assistiamo a preoccupanti rigurgiti di antisemitismo. Eppure i giovani – l’ho visto in questi giorni – sanno ascoltare e quindi abbiamo ancora la speranza che si possa collaborare a costruire un mondo migliore. L’augurio che dobbiamo farci è che facendo memoria si possa costruire consapevolezza. Sui giovani possiamo contare, ma hanno bisogno di un mondo adulto che sappia esplicitare i valori. Dobbiamo quindi avere il coraggio della speranza” ha concluso Azzolini.

Sono quindi intervenuti per l’Anpi, Mario Cossali che ha ricordato la congiura del silenzio, colpevole di avere vietato per troppi anni ad intere generazioni di conoscere la vertà, e l’Avv. Mauro Bondi (Ana) il cui richiamo è stato a ricordare per vigilare, affinché orrori simili non abbiano più a ripetersi. “Il compito di tutti noi è ricordare e coltivare la memoria” ha detto Bondi.