ECONOMIA: BANKITALIA, INFLAZIONE COMPLESSIVA UE AUMENTATA A 1,1% AL 12/2016

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Banca d’Italia) – L’inflazione complessiva è aumentata marcatamente nel dicembre 2016. L’inflazione misurata sullo Iac è salita dallo 0,6 all’1,1 per cento fra novembre e dicembre (cfr. grafico 7). Tale rialzo è stato determinato in particolare dall’aumento molto più consistente dell’inflazione dei beni energetici, che ha continuato a contribuire in misura determinante alla ripresa dell’inflazione complessiva dopo il minimo del ‐0,2 per cento toccato ad aprile 2016. La maggiore inflazione della componente energetica è dovuta in gran parte a vigorosi effetti base al rialzo, che avranno un impatto sull’inflazione anche nei primi mesi del 2017.

 

 

In allegato la tabella grafica contenuta nel comunicato stampa:

L’inflazione di fondo non ha evidenziato segnali convincenti di una tendenza al rialzo. L’inflazione sui dodici mesi misurata sullo Iac al netto di alimentari ed energia si è collocata allo 0,9 per cento in dicembre, dopo essersi mantenuta allo 0,8 nei quattro mesi fino a novembre. I dati disponibili a livello nazionale suggeriscono che il rialzo in dicembre sia stato causato principalmente da un’impennata della componente volatile legata ai viaggi. L’inflazione al netto di alimentari ed energia rimane ben al di sotto della sua media di lungo periodo pari all’1,5 per cento. Inoltre, le misure alternative non segnalano la ripresa delle spinte inflazionistiche di fondo. Ciò potrebbe riflettere in parte gli effetti indiretti ritardati al ribasso dei precedenti cali dei corsi petroliferi ma anche, in modo più sostanziale, la protratta debolezza delle pressioni dal lato dei costi interni.

 

 

 

In allegato il documento contenuto nel comunicato stampa:

BCE_NUMERO_1_2017