Covid-19 Free -settima puntata- (Provincia autonoma Trento)

***

FEDERAZIONE: FOCUS SULLA COOPERAZIONE TRENTINA

Intervista a Roberto Simoni

- Candidato presidente Federazione trentina della Cooperazione -

Per le prossime elezioni amministrative TRENTO 2020 si sta pian piano definendo la nuova coalizione di centro, o almeno si spera sia in via di definizione. Da un lato la candidata Silvia Zanetti sostenuta dal gruppo SI PUÒ FARE, mentre dall’altro il candidato Marcello Carli, sostenuto da AGIRE PER IL TRENTINO e, forse, da altre liste (quantomeno una lista a sostegno di Marcello Carli).

Il mio auspicio, come quello di molti, è che i due candidati ragionino sin da subito insieme in modo da evitare la presenza di 2 candidati di un centro autonomo che a Trento, oggi, è inesistente. Solo così l’area centrista può avere forza, altrimenti il voto per il centro va in dispersione a favore del candidato del centrosinistra – autonomista Franco Ianeselli.

Sui social leggo che qualche esponente, che oggi sostiene Franco Ianeselli, evidenzia l’esistenza di “un’area di centro che sostiene esternamente Franco Ianeselli composta da PATT e +TrentoViva”.

Si sostiene anche che l’area di centro che nascerà nulla ha a che fare con il centro in quanto al ballottaggio sosterrà il candidato della Lega Baracetti.

Leggo quindi due errori grossolani, a mio modo di vedere. In primo luogo ritengo che un’area di centro che oggi sostiene il candidato sindaco Franco Ianeselli al primo turno non può definirsi di centro: una chiara esposizione di questo tipo non può appartenere a chi si reputa apartenente ad un’area moderata.

In secondo luogo l’area di centro che sta nascendo si presenterà AUTONOMA al primo turno e non a sostegno di altri candidati: gli obiettivi saranno ben chiari, e cioè ARRIVARE AL BALLOTTAGGIO! Se l’area centrista si presenta autonoma al primo turno significa che sarà una vera e propria area autonoma e non “legata alla destra”. Interessa poco chi appoggerà al secondo turno, in quanto l’identità delle forze politiche la si vede al primo turno.

Fa sorridere che UPT, ITALIA VIVA e PATT evidenzino che il loro accordo con Ianeselli non li identifica nella coalizione di centrosinistra – autonomista… Se davvero si definissero centriste avrebbero dovuto avere il CORAGGIO di staccarsi da PD e FUTURA. Essere in coalizione con PD e FUTURA identifica ITALIA VIVA, PATT e UPT come appartenenti alla “sinistra” di PD e FUTURA.

Ripeto pertanto il mio auspicio: evitare che Marcello Carli e Silvia Zanetti si presentino separati alle prossime elezioni amministrative di TRENTO 2020: se i 2 candidati uniscono le forze, il risultato dell’area centrista potrà essere molto interessante. VOLERE È POTERE… vedremo l’evolversi della situazione in queste settimane!

 

*
Lorenzo Rizzoli – Presidente #INMOVIMENTO