VIDEONEWS & sponsored

(in )

RAI RADIO 2 – “ I LUNATICI ” * LORY DEL SANTO: « MILIARDARI CHE UNA VOLTA FINITA UNA RELAZIONE CHEDONO INDIETRO I REGALI? È SUCCESSO ANCHE A ME »

Lory Del Santo è intervenuta ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta dal lunedì al venerdì notte da mezzanotte alle sei del mattino.

Lory Del Santo ha raccontato come sta passando questo periodo: “Sto bene, ho fatto tutti i test, sono negativi. Dicono sempre che nella vita bisogna essere positivi per andare avanti, in questo caso è vero il contrario. Comunque, battute a parte, va tutto bene. Io rispetto le regole, ma non mi informo molto sulla situazione. Sono una solitaria, scelgo di frequentare poche persone, sono tranquilla,ma dal punto di vista economico si soffre tantissimo. Vedo il baratro. Se prima non si cade, comunque, è inutile allarmarsi. Sto pensando di ritirarmi, avevo pensato di andare in pensione, non si sa mai qual è l’età giusta per andare in pensione per i lavoratori dello spettacolo. Medito il ritiro, però quando mi chiamano non resisto. Lavorare per me è come una droga”.

Sui miliardari che una volta finita la loro relazione con una ragazza chiedono indietro i regali o i soldi che hanno speso per loro: “E’ successo anche a me. Possono fare causa solo se hanno fatto un prestito e c’è un contratto dove si indica chi ha ricevuto dei soldi. Altrimenti i regali indietro non si chiedono. E’ capitato anche a me. Un fidanzato mi aveva fatto un sacco di regali, a un certo punto ha detto che sono stata con lui solo per interessi e mi ha richiesto indietro tutto. Io sono stata così ingenua che gli ho ridato tutto. Tornassi indietro, non lo rifarei. Un uomo di una certa età come può far breccia su una giovincella molto appariscente? Il regalo è la via più breve per arrivare a ciò che si desidera, non si restituisce nulla. Un uomo provò proprio a comprami. Erano gli anni ’90, una persona mi offrì 10 milioni al mese per fare la sua fidanzata.

Io ho sempre lottato per avere qualcosa, nessuno mi ha mai davvero aiutato. Ci ho riflettuto, ma non ci sono riuscita. Non mi piaceva fisicamente, non mi ispirava intellettualmente. Oggi mi corteggiano tantissimi uomini giovani, tra i 25 e i 35 anni. Anche sono fidanzata, la schiera non diminuisce. Credo sia una questione di carattere, ispiro fiducia, sensualità e poi sono molto protettiva, metto le persone a loro agio”.

Lory Del Santo, poi, ha raccontato di aver subito una violenza: “Mi sono tenuta dentro questo segreto. Non ho denunciato perché avevo paura di subire vendette e ritorsioni. Non dico che è sbagliato denunciare, ci mancherebbe altro. Ma quando è capitato a me, ho preferito chiudermi tutto dentro, per paura di vendette. Per fortuna sono riuscita a fuggire sana e salva, anche se avevo la faccia gonfia. Bisogna denunciare quando si subiscono certe cose, io non ce l’ho fatta. Ogni caso ha la sua particolarità, non si può generalizzare. Questa persona era amico di una mia amica. Ci eravamo conosciuti al ristorante, si rideva, si scherzava, tu pensi sempre che se una persona ti viene presentata da qualcuno che conosci sia una persona perbene. Lui mi disse che aveva dimenticato una cosa in hotel e mi invitò a salire.

Io dissi di no, ma poi ha insistito. Mi ha pregato di accompagnarlo, mi ha detto che doveva prendere una cosa e fare una telefonata, mi ha detto che non voleva farmi aspettare, che poi saremmo andati a cena, che avremmo raggiunto i nostri amici. Ho sbagliato, non dovevo andare in quella stanza, mi sono fidata. Sembrava una persona carina, educata, mi è stata presentata da una amica. Mi sono fidata anche perché mi sentivo più sicura, pensando che mi trovavo in un albergo.

L’incubo è durato tutta la notte, questa persona era pazza, mi ha picchiato, abusato, poi mi ha fatto fare il bagno con i petali di rose. Ho pensato che a un certo punto si sarebbe addormentato, così è stato. Appena ho visto che dormiva sono scappata. Lui se ne è accorto, mi ha rincorso, ma io sono scappata via verso l’uscita. Ho subito una violenza fisica e psicologica. I petali di rose, il profumo nell’acqua, era un pazzo: Immaginavo di scendere e trovarmelo davanti come nei film. Una volta uscita dall’albergo, invece, mi sono sentita libera. E’ stata una cosa strana, era l’alba, ho deciso di non denunciare, di dimenticare”.

Sul momento che stanno vivendo le donne: “Adesso secondo me siamo arrivate alla parità dei sessi, ma ci sono tante donne che usano il loro potere in maniera negativa verso gli uomini. Li trattano in un modo che non mi piace. Li usano e li gettano. Si sono rovesciati i ruoli. Non m piace come cosa. Bisogna sempre essere rispettosi verso il genere umano”.

 

*

Rai Radio2
Autore e conduttore de “I Lunatici”