VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO *INCENDIO A ROVERETO: « PALAZZINA ITEA, IN SERATA GRAN PARTE DELLE FAMIGLIE POTRÀ RIENTRARE A CASA »

Il presidente Fugatti sul posto elogia l’impegno dei Vigili del fuoco Volontari. L’incendio a Rovereto, in serata gran parte delle famiglie potrà rientrare a casa.

“In queste occasioni ci rendiamo conto di quanto importante ed efficiente sia il lavoro dei corpi dei Vigili del fuoco volontari del Trentino. Una risorsa preziosa per la nostra comunità” Così il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti che nel pomeriggio si è recato a Rovereto dove un furioso incendio scoppiato all’alba di oggi ha gravemente danneggiato una palazzina dell’Itea. Ingenti i danni ma fortunatamente nessun ferito. Il presidente, accompagnato dal dirigente del Dipartimento salute e politiche sociali, Giancarlo Ruscitti e dal presidente di Itea, Salvatore Ghirardini, ha fatto il punto sul posto insieme al sindaco, Francesco Valduga e al comandante dei Vigili del fuoco volontari di Rovereto, Marco Simonetti e al vicecomandante Alessandro Senter.

Sono 16 i nuclei familiari che sono stati fatti evacuare, complessivamente circa 30 persone, trovando riparo presso la palestra delle scuole Filzi, dove sono stati assistiti dalla Croce Rossa e dai Nu.Vol.A. Circa 70, complessivamente, i Vigili del fuoco che hanno prestato soccorso. Il presidente Fugatti ha ringraziato quanti hanno lavorato durante tutta la giornata per mettere in sicurezza l’edificio, consentendo così a gran parte delle famiglie di rientrare a casa nella tarda serata.

Successivamente il presidente si è recato nella palestra dove hanno trovato ospitalità le persone sfollate per ringraziare i volontari della Croce Rossa e dei Nu.Vol.A. che fin da questa mattina hanno provveduto a tutte le necessità di quanti hanno dovuto abbandonare la propria abitazione.

Oltre al Corpo permanente dei Vigili del fuoco di Trento, sono intervenuti nel corso della giornata i Corpi dei Vigili del fuoco volontari di Rovereto, Volano, Trambileno, Villalagarina, Calliano, Mori, Pomarolo, Nomi, Isera e Besenello.