PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-19 Free - 21 puntata  (format Tv)

Il consiglio comunale a larga maggioranza ha approvato la mozione presentata dal PATT (a firma dell’assessore Stefano Gatti) e quindi adottato una serie di impegni precisi rispetto all’approccio sulla questione lupi.

Inoltre è stato approvato un interessante emendamento, del quale ringrazio il consigliere Gabriele De Rossi, che impegna a condividere la mozione e le sue misure ai comuni trentini limitrofi.

Non nascondo la soddisfazione nel vedere finalmente una convinta presa di posizione della politica alense rispetto al tema.

Abbiamo sopportato fin troppo le “incertezze” (tenero eufemismo) dell’attuale governo provinciale rispetto al tema, che hanno portato solo alla promulgazione di misure altrettanto incerte e inadeguate (una su tutte le famose “ronde anti lupo” con i vigili urbani a pattugliare…) che la prefettura ha giustamente soppresso.

Era altresì indispensabile porre all’attenzione della collettività ciò che veramente è necessario sostenere e incoraggiare rispetto alla convivenza lupo-uomo, ovvero informare e fare rete con la comunità e il suo tessuto associativo, e promuovere l’applicazione di quelle misure di dissuasione che hanno dimostrato tutta la loro efficacia, vedi ad esempio il recinto anti-lupo elettrificato sperimentato sulla lessinia alense, che non meno di tre settimane fa ha goduto di un contributo comunale di 2000 euro per il suo ampliamento visto e considerato che il governo provinciale a guida leghista non lo ritiene evidentemente (e incredibilmente) degno di supporto.

Ritengo che questa mozione rispecchi in piena coerenza il percorso decennale intrapreso sul tema dal PATT a tutti i livelli politici e istituzionali. I fatti lo dimostrano.

No agli slogan, sì alla serietà, alla trasparenza e all’approccio scientifico.

 

*

La segretaria politica PATT di Ala
Francesca Aprone