Apprendo con rammarico dal giornale “Trentino” di questa mattina trapelare notizie rispetto ad una possibile posizione della Sezione del PATT di Rovereto rispetto alle elezioni comunali del prossimo maggio 2020. Non conosco la fonte ma di certo non è quella ufficiale della Sezione, ovvero il Direttivo della sezione stessa che rappresento come Segretario politico.

A questo proposito mi sembra quindi doveroso fare un po’ di chiarezza. La sezione del PATT Remo Markt di Rovereto è stata, assieme a PD e UPT ed accogliendo l’appello sui giornali del sindaco Valduga della scorsa estate, fra i primi a proporre un’alleanza autonomista, civica, popolare e democratica per la città in vista delle prossime elezioni comunali (come da comunicato stampa dello scorso 10 agosto 2019). La questione, mi permetto di dire, non è un “sì” o un “no” all’attuale amministrazione ma il pensiero va ben oltre e cioè all’elaborazione di un PROGETTO NUOVO che vada al di là di quanto successo negli ultimi 5 anni in un ambito valoriale in cui ci riconosciamo, per il bene della città.

La stessa linea è, fra le altre cose, anche quella emersa dalla recente giunta del Partito Autonomista Trentino Tirolese. Nel documento infatti si legge: “il Partito, facendo seguito ai suoi valori, alla sua storia e non per ultimo a tutte le tesi congressuali presentate all’ultimo Congresso di data 24 marzo 2019 e sopra citate nei loro passaggi salienti riguardanti la linea politica, vuole impegnarsi a costruire una “casa” ideale ed una proposta politica dove possano convergere, per il bene della nostra terra, tutte le forze autonomiste, territoriali, popolari e civiche interessate a rafforzare la nostra Autonomia speciale e a non omologare politicamente il Trentino alle dinamiche nazionali”.

Infine, segnaliamo che non è nostro stile ne abitudine, mettere il naso in casa d’altri per questioni che non ci riguardano direttamente. II PATT non ha mai forzato la mano nei confronti del PD Roveretano, semmai auspicato che tutte le forze presenti al tavolo possano sostenere in modo convinto un progetto di questo tipo raggiungendo uniformità di intenti al proprio interno. L’auspicio è quello di ottenere chiarezza, volta ad evitare quanto accaduto al tavolo delle scorse elezioni provinciali, che ha portato il PATT a correre da solo.

 

*
Il Direttivo della Sezione PATT di Rovereto

Dott. Davide Gamberoni

Segretario della Sezione PATT di Rovereto