VIDEONEWS & sponsored

(in )

COPPOLA (EUROPA VERDE) * EMERGENZA SENZATETTO – TRENTO: « C’È QUALCUNO CHE VUOLE ASSUMERSI LE RESPONSABILITÀ CHE GLI COMPETONO? AL MOMENTO IL SILENZIO È ASSORDANTE »

Apprendo oggi, con grande rammarico e senso di impotenza che, dopo il rogo che ha raso al suolo la baracca di via Lungadige S.Nicolò, ai 25 migranti non è stato trovato riparo per la notte. Il Comune ha fatto sapere che la lista dei senzatetto è molto lunga, pare sessanta in lista di attesa. Quindi i 25 migranti si devono mettere in coda. Disperati tra i disperati.

La settimana scorsa ho scritto una lettera aperta al Sindaco di Trento Franco Ianeselli, al Presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti, alle Assessore provinciali e comunali Stefania Segnana e Chiara Maule, al Vescovo di Trento Monsignor Lauro Tisi chiedendo loro di non aspettare il prossimo autunno/inverno per dare risposte che non potranno che essere emergenziali a un problema strutturale che riguarda esseri umani fragili e necessita invece di risposte compiute e stabili nel tempo.

Mi chiedo come sia possibile che a fronte di un patrimonio edilizio, pubblico e privato non utilizzato, che consiste in strutture pubbliche dismesse, appartamenti sfitti da anni, interi edifici abbandonati, non si possa trovare un tetto per chi non lo ha.

Un patrimonio edilizio in mano alla Curia, al Comune e alla Provincia. Ma c’è davvero il desiderio e la volontà di risolvere questo problema? C’è qualcuno che vuole assumersi le responsabilità che gli competono?

Al momento il silenzio è assordante.

 

*

Cons. Lucia Coppola

consigliera provinciale/regionale
Gruppo Misto/Europa Verde