CONSIGLIO PROVINCIALE TRENTO

"A tu per tu“ con con Alex Marini - Gruppo Misto

Focus: Legge sull'energia

Il nuovo Ambasciatore del Messico in Italia, ospite di Tecnoclima Spa, incontra Confindustria Trento e le imprese industriali.

Confindustria Trento e le imprese associate hanno incontrato oggi l’Ambasciatore del Messico in Italia, S.E. Carlos García de Alba Z., ospite in Trentino di Tecnoclima Spa per una quattro giorni di incontri con le autorità, le istituzioni e le imprese trentine.

Ilaria Vescovi, in qualità di Past President di Confindustria Trento, ha voluto condividere l’opportunità di incontro con le imprese del territorio potenzialmente interessate al mercato.
“È stato un onore aver avuto ospite S.E. Carlos García de Alba Z., l’Ambasciatore del Messico, Paese nel quale Tecnoclima esporta da più di vent’anni. La nostra azienda può vantare con soddisfazione, tra le sue referenze, importanti installazioni in varie aree del Paese in collaborazione con le più rilevanti aziende del settore, sia locali che internazionali, in particolare per il riscaldamento di strutture serricole, per la coltivazione di pomodori e ortaggi, e per il riscaldamento di allevamenti avicoli. La visita dell’Ambasciatore ha rappresentato quindi un significativo e prestigioso riconoscimento per il nostro lavoro e la qualità delle nostre relazioni anche in questo importante Paese”.

L’Ambasciatore, personalità fortemente orientata al business, ha accordato una parte importante della sua visita a Confindustria Trento, in prima battuta nella colazione di lavoro con il Presidente Fausto Manzana, il Direttore Generale Roberto Busato e il Presidente della Cciaa di Trento, Giovanni Bort.

Nel suo intervento, l’Ambasciatore del Messico ha toccato vari punti, tra cui una breve introduzione all’economia messicana, la seconda più grande in America Latina. Ha sottolineato come la relazione bilaterale tra Messico e Italia sia stabile: attualmente l’Italia è il terzo socio commerciale per il Messico tra i paesi dell’Unione Europea. Il Messico invece è per l’Italia il secondo socio commerciale del continente americano.
Allo stesso modo, ha sottolineato come il commercio bilaterale sia quadruplicato negli ultimi vent’anni, a dimostrazione che il Messico è un socio di fiducia e un eccellente Paese per gli investimenti italiani. Ha assicurato che ci sono molte opportunità di crescita, soprattutto alla luce dei nuovi accordi commerciali del Messico con gli Stati Uniti e Canada, così come con l’Unione Europea, i cui vantaggi sono stati condivisi con gli imprenditori presenti all’incontro.

L’incontro, a numero chiuso per esigenze anti-Covid 19, ha contato sulla partecipazione dei componenti del Consiglio di Presidenza di Confindustria Trento, dei membri del Consiglio di Amministrazione di Trentino Export – braccio operativo per l’internazionalizzazione dell’Associazione – e di varie imprese che operano continuativamente sul mercato.

Lorenzo Delladio, in qualità di Vicepresidente dell’Associazione industriali di Trento con delega all’internazionalizzazione, ha presieduto l’incontro dell’Ambasciatore con le imprese, evidenziando le solide relazioni economico-commerciali che legano Messico e Italia: l’export italiano in Messico nel 2019 è ammontato a circa 3,9 miliardi euro, con oltre 1.600 imprese italiane stabilmente presenti nel Paese, di cui circa un centinaio con stabilimenti produttivi.
“Purtroppo – ha preso atto Delladio – l’export trentino in Messico si è limitato a circa 28 milioni di euro nel 2019, su 3,9 miliardi di euro di export totale nell’anno indicato. Diciotto imprese dell’industria trentina lavorano nel Paese con esportazioni dirette o attraverso agenti e distributori, tra cui La Sportiva Spa. Solo tre imprese trentine hanno aperto filiali e società di diritto locale, credendo nelle enormi opportunità che il paese offre, sia nei settori tradizionali, quali macchinari e beni industriali intermedi, sia nei nuovi settori di arredamento, abbigliamento, calzature, gioielleria, alimentari e bevande, cresciuti molto per effetto della sostenuta crescita economica della classe media messicana”.

“Il mercato è talmente interessante – ha puntualizzato Enrico Zobele in qualità di Presidente Onorario di Zobele Group – che l’azienda ha investito e continua ad investire molto sul sito produttivo situato a Hermosillo, nello stato di Sonora. Acquisito da un concorrente già all’inizio degli anni 2000, oggi conta quasi 3000 dipendenti e presenta ulteriori opportunità di espansione”.

 

*

In foto, da sinistra: Busato, García de Alba, Vescovi e Delladio.