VIDEONEWS & sponsored

(in )

CGIL CISL UIL – TRENTINO * SANITÀ: « PREVENZIONE COVID, MANCANO I VACCINI ANTI INFLUENZALI PER LE LAVORATRICI ED I LAVORATORI »

Prevenzione Covid. Mancano i vaccini anti influenzali per le lavoratrici ed i lavoratori. Parte la campagna vaccinale per i bambini con meno di 6 anni e per gli over 60. Per Cgil Cisl Uil bisogna però risolvere la penuria di vaccini nelle farmacie.

Dichiarazioni dei segretari generali di CGIL CISL UIL del Trentino, Andrea Grosselli, Michele Bezzi, Walter Alotti

“Quest’anno vaccinarsi contro l’influenza stagionale ha una funzione in più rispetto al solito: permettere di evitare alla sanità pubblica il rischio di intasare all’inverosimile Apss e Fem con le richieste di tamponi o altri tipi di test per il Covid.

Infatti ad ogni evento simil influenzale (tosse, raffreddore, febbre) le lavoratrici ed i lavoratori dovranno mettersi in quarantena ed attendere il test che confermi loro la positività o meno al SARS-CoV-2. Ridurre al minimo quindi le sindromi influenzali non è solo un bene perché permette di abbattere le giornate di malattia e quindi le assenze dal lavoro, ma impedisce di sovraccaricare la sanità pubblica di test inutili.

Peccato che però vaccini nelle farmacie ce ne saranno pochissimi tanto che molti rischiano di non riuscire a trovarli. Bene quindi che si utilizzino nuovi test rapidi, ma sarebbe meglio evitare anche di intasare le farmacie. Serve quindi un impegno straordinario della Giunta provinciale per riuscire a rifornire per tempo anche le farmacie e permettere alle famiglie e alle imprese di poterne trovare a sufficienza per rispondere ai propri bisogni”.