VIDEONEWS & sponsored

(in )

CGIL CISL UIL – TRENTINO * EMERGENZA COVID: « FIRMA LA PETIZIONE, APPELLO PER LA TRASPARENZA DEI DATI ED IL POTENZIAMENTO DELL’ASSISTENZA TERRITORIALE »

Il Trentino si trova immerso nella seconda ondata dell’epidemia prodotta dal coronavirus. In questa fase delicatissima e drammatica che ha già prodotto un numero spaventoso di vittime sul nostro territorio e di fronte alla crescita preoccupante della pressione sulle strutture sanitarie riteniamo sia indispensabile, per contrastare in modo responsabile l’epidemia, gestire tutte le informazioni relative al contagio nella massima trasparenza possibile.

Ogni informazione disponibile sull’evoluzione locale della pandemia è preziosa per la comunità scientifica che solo sulla base di dati aperti, trasparenti e univoci può supportare lo sforzo straordinario delle autorità sanitarie nel contenere il contagio, contribuendo per esempio ad analizzare nel modo più corretto possibile l’andamento epidemiologico e l’efficacia delle misure di contrasto messe in atto fino a questo momento.

Questi dati servono anche all’opinione pubblica che ha il diritto di conoscere qual è la reale situazione del contagio sul nostro territorio anche per rendersi davvero conto della gravità del momento e dunque comprendere il senso pieno dei sacrifici che ciascuno di noi è chiamato a fare nell’obiettivo di arrestare la diffusione del virus SARS-CoV-2.

Tra l’altro, purtroppo, le informazioni sulla progressione dei ricoveri in ospedale e sugli accessi ai reparti di cure intensive così come il dato sulla mortalità, dimostrano che la situazione in Trentino non è ancora in miglioramento. Su questo fronte crediamo vada ulteriormente potenziata la Centrale Covid per la presa in carico dei positivi e vadano ampliati i servizi territoriali, anche con l’accoglienza in strutture non ospedaliere, per rafforzare la rete di assistenza ai malati, a partire dalle persone anziane che troppo spesso restano sole e prive di conforto anche nei frangenti più drammatici.

Facciamo appello dunque alla Provincia di Trento perché superi ogni ritrosia e nell’interesse di tutti i cittadini e le cittadine renda note tutte le informazioni a sua disposizione sul monitoraggio dei soggetti positivi. In attesa che Piazza Dante raccolga questo appello e cambi modo di comunicare le informazioni chiediamo a tutti i primi cittadini dei comuni trentini, già in possesso dei dati completi, di renderli noti alla comunità scientifica e all’opinione pubblica.

 

*

I segretari Cgil, Cisl e Uil – Grosselli – Bezzi – Alotti

 

Per firmare la petizione firma QUI