PUNTI NASCITA: FUGATTI, L’UPT OFFENDE LE PROPOSTE DELLE ALTRE REGIONI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il seguente comunicato stampa:

(Fonte: Maurizio Fugatti) – Se il buongiorno si vede dal mattino, si comincia proprio male per la difesa dei punti nascita di valle.  Dopo aver sentito più volte in aula i proclami dell’assessore Zeni sulla necessità di fare squadra con le Regioni montane per salvare i punti nascita, oggi tutti i consiglieri dell’Upt compresi i due assessori della giunta provinciale, trovano il tempo di sottoscrivere un comunicato offendendo le azioni politiche della Regione Veneto a difesa dei punti nascita.

La proposta veneta viene definita dal gruppo consiliare Upt certa di “bocciatura ministeriale” nonché “polemica” verso il Ministero della Salute stesso. Tale deroga, secondo i consiglieri dell’Upt, è stata inoltre formulata solo “con l’intento di sollevare una bagarre sulla questione”.

Noi non sappiamo se la proposta veneta sarà accolta o meno. Sappiamo però che l’unico modo per difendere i punti nascita di valle è quello di collaborare con le altre regioni, anche difendendo le proposte di deroga altrui. Se collaborazione vuol dire dileggiare le proposte delle altre Regioni crediamo proprio che si sia iniziato con il piede sbagliato!

 

 

In allegato il comunicato stampa:

170309 – CS GCLNT – PUNTI NASCITA – UPT OFFENDE PROPOSTE DELLE ALTRE REGIONI