SAVOI – LEGA * VENDEMMIA E RACCOLTE STAGIONALI: ” PER QUANTO SI VOGLIA OSSERVARE LE LEGGI, SPECIFICITÀ E TEMPISTICA NON SEMPRE SONO SOSTENIBILI “

Cittadino vs finanza o Finanza vs cittadino? Nella storia, talune situazioni sociali sono sempre state considerate come elementi del territorio, la nostra autonomia si è sviluppata anche su questo.

Gli eventi stagionali che scandiscono la vita della montagna, come la vendemmia od il raccolto di altri prodotti dell’agricoltura, fanno parte dell’equilibrio tra uomo e natura, e sono vissuti in forma profondamente sociale.

Nei tempi moderni, ci troviamo però di fronte più di una volta a delle contraddizioni non solo sociali, ma anche istituzionali, proprio per la differenza che c’è tra il tradizionale vivere la ruralità (e altre azioni sul territorio) e le leggi studiate per una popolazione molto più eterogenea e quindi senza specificità.

Vendemmiare con gli amici è non solo una tradizione, ma anche una gioia del condividere un evento felice nella natura; la cosa si distorce quando severe applicazioni delle leggi spezzano la tradizione con controlli e sanzioni. E quindi si rischia di dire che oggi le tradizioni possono arrivare a portare elementi di danno a chi lavora.

È chiaro che chi deve far rispettare le leggi lo fa sotto un mandato specifico; è altrettanto vero che chi si trova ad affrontare talune situazioni, temporanee, sul territorio, come le raccolte stagionali (in questo caso vendemmia), ha una specificità ed una tempistica che non sempre, per quanto si voglia sempre osservare le leggi, possa essere sostenuta.

Ci si chiede dunque come mai, in forma preventiva, chi è predisposto al rispetto della legge, comprendendo la realtà del territorio, non faccia sufficiente informazione verso gli operatori, sulle possibilità di interazione e studi una mediazione rispetto alla specificità del territorio.

Un esempio tra tutti è che le assicurazioni si sono adeguate alla grandine: allora perché alla stessa maniera, riconoscendo le tradizioni negli eventi stagionali, non sono fatte azioni di rispetto del territorio, trovando soluzioni coerenti con la storia? Oppure, se ci sono queste possibilità, perché non vengono rispettate?

È chiaro che, per l’importanza delle nostre tradizioni rurali, se non ci sono forme operative che proteggano gli usi del territorio, ci adopereremo per realizzarle noi.

 

*

Alessandro Savoi

Consigliere Provinciale Lega Nord Trentino