News immediate,
non mediate!

USB LAVORO PRIVATO * TRASPORTO PUBBLICO LOCALE: « CAMBIANO LE REGOLE COVID, LE MISURE ANTI CONTAGIO ADOTTATE DA TRENTINO TRASPORTI SONO APPLICATE GIÀ DA MESI »

Scritto da
18:05 - 17/11/2021

Cambiano le regole covid nel TPL, USB: in Trentino Trasporti già applicate da mesi.

Nelle scorse ore il Governo ha annuciato la modifica delle regole anti covid nel Trasporto Pubblico Locale, allentando di fatto le misure sino ad oggi previste o meglio consigliate alle quali le aziende dovevano attenersi, al fine di grantire una maggior tutela del personale viaggiante e dell’utenza stessa nell’ambito del TPL.

Il Trentino però è stato agli effetti un precursore di questa nuova regolamentazione, con Trentino Trasporti che già mesi addietro aveva ripristinato sia la salita dalla sola porta anteriore quanto la bigliettazione a bordo, l’unica eccezione rimaneva solo la controlleria a bordo che sino ad ora non era ancora stata ripristinata.

Nel merito delle misure anti contagio adottate da Trentino Trasporti, come USB in più occasioni eravamo entrati nel merito, criticando alcune scelte aziendali di apertura le quali esponevano il personale a inutili rischi di contagio; la situazione aziendale la potremmo riassumere in una frase: “gli ultimi a chiudere le porte anteriori e sospendere la bigliettazione ed i primi a ritornare riaprire la stessa e riammettere la bigliettazione a bordo”.

Sebbene sul servizio urbano il personale sia parzialmente coperto grazie al portello che separa il conducente dall’utenza (parzialmente in quanto i portelli hanno comunque ampi spazi di contatto) il problema più grande lo si ha sul servizio extraurbano dove nella maggioranza dei casi non vi è alcun separatore e tra personale ed utenza vi è solo una distanza minima, aumentando quindi i rischi di contagio.

Sebbene ora, con la campagna vaccinale in avanzato stato e con una situazione epidemica in generale controllo rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, come USB riteniamo non sia il momento di abbassare la guardia e quindi ridurre in maniera eccessiva le misure precauzionali relativamente al contagio, le quali rimangono unitamente alla vaccinazione, le principali armi in nostro possesso per contrastare la pandemia.

Per queste ragioni riteniamo rischioso l’allentamento delle misure, così come il costante incremento della capienza dei mezzi, i quali già al 50% erano fonte di rischio riducendo al minimo il distanziamento interpersonale e quindi generando possibili situazioni di criticità, altresì se si tiene conto che in molti casi il sovraffolamento dei mezzi pubblici è tutt’ora una realtà quotidiana.

 

*

USB Lavoro Privato

Settore Trasporti

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.