VIDEONEWS & sponsored

(in )

ZANETTI (SI PUO’ FARE!) – ODG * COMUNE TRENTO – VARIAZIONE DI BILANCIO: “ SI AIUTINO CONCRETAMENTE GLI ESERCENTI PUBBLICI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE “

Nelle prossime sedute del consiglio comunale di Trento verrà trattato l’ordine del giorno presentato e collegato alla variazione di bilancio, avente ad oggetto aiuti concreti a favore degli esercenti della nostra città.

Non possiamo dimenticare che il servizio offerto dagli esercizi pubblici sul territorio della città ha un valore sociale e turistico estremamente elevato.

Tuttavia, nell’ultimo periodo tutta la categoria ha subito notevoli disagi a causa della pandemia, con conseguente drastica riduzione degli incassi.

Inoltre, non tutti gli esercizi pubblici della città hanno a disposizione spazi esterni propri e neppure dispongono di un marciapiede limitrofo sufficientemente ampio per installare tavolini/sedie oppure di spazi utilizzabili nelle vicinanze dell’esercizio.

Tali esercizi rappresentano indubbiamente una delle categorie più in sofferenza e sono fortemente penalizzati in quanto privi della possibilità di servire la clientela posizionando tavolini e sedie all’aperto, con conseguente riduzione o addirittura azzeramento dei propri incassi.

In alcune situazioni le spese di gestione del locale, a fronte del mancato incasso, sono pertanto diventate insostenibili.

Per tali ragioni ritengo indispensabile che l’amministrazione comunale si impegni affinchè vengano destinati adeguati fondi o strumenti che permettano agli esercenti di risollevarsi economicamente, seppur non potendo svolgere servizio all’esterno del proprio locale.

In ogni caso, è di primaria importanza prevedere anche l’azzeramento o la riduzione delle imposte comunali a favore di tutta la categoria.

 

 

*

Al Presidente del
Consiglio Comunale di Trento Dott. Paolo Piccoli

Al Sindaco
Dott. Franco Ianeselli

ORDINE DEL GIORNO collegato a proposta di deliberazione n. 1/2021 “art. 175, commi 1,2,3 del D.lgs. 267/2000 e s.m. bilancio di previsione finanziario 2021-2023. Variazione”

OGGETTO: AIUTI CONCRETI PER ESERCENTI PUBBLICI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

Premesso che:

Sul sito del Comune di Trento sono individuate le linee guida con relativi adempimenti per richiedere, da parte di titolari, legali rappresentanti e gestori di pubblici esercizi, la concessione temporanea di occupazione suolo pubblico antistante i pubblici esercizi al fine di poter offrire il proprio servizio all’esterno dei locali.
Viene precisato inoltre che, “in ragione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e della necessità di rispettare le misure di distanziamento sociale nella somministrazione di alimenti o bevande, fino al 31 dicembre 2021, gli esercizi pubblici, i rifugi alpini ed escursionistici e le strutture ricettive anche all’aperto possono installare, in deroga alle previsioni urbanistiche, al regolamento urbanistico-edilizio provinciale e ai regolamenti edilizi comunali, plateatici e relative coperture o altre strutture leggere di protezione degli spazi di pertinenza, anche occupando il suolo pubblico. A tal fine il comune territorialmente competente autorizza l’installazione delle predette strutture entro venti giorni dalla presentazione della domanda.”

Considerato che:

– Il servizio offerto dagli esercizi pubblici sul territorio della città ha un valore sociale e turistico estremamente elevato.

 

– Nell’ ultimo periodo tutta la categoria ha subito notevoli disagi a causa della pandemia con conseguente drastica riduzione degli incassi.

– Non tutti gli esercizi pubblici della città hanno a disposizione spazi esterni propri e neppure dispongono di un marciapiede limitrofo sufficientemente ampio per installare tavolini/sedie oppure di spazi utilizzabili nelle vicinanze dell’esercizio (vie, parcheggi o aree verdi).

– Tali esercizi rappresentano indubbiamente una delle categorie più in sofferenza e sono fortemente penalizzati in quanto privi della possibilità di servire la clientela posizionando tavolini e sedie all’aperto, con conseguente riduzione o addirittura azzeramento dei propri incassi.

– In alcune situazioni le spese di gestione del locale, a fronte del mancato incasso, sono pertanto diventate insostenibili.

 

Tutto ciò premesso e considerato si impegna il Sindaco e la Giunta Comunale a

– destinare adeguati fondi o strumenti, nella variazione al bilancio di previsione finanziario 2021-2023, a favore degli esercenti pubblici della somministrazione di alimenti e bevande che risultino effettivamente impossibilitati, per ragioni logistiche legate allo stato di fatto dei luoghi, allo svolgimento del servizio all’esterno del proprio esercizio;

– prevedere, di concerto con le istituzioni competenti, nella variazione al bilancio di previsione finanziario 2021-2023, l’azzeramento e/o la riduzione delle imposte comunali (a titolo esemplificativo tari, imis, etc.) a favore della categoria degli esercenti pubblici della somministrazione di alimenti e bevande.

 

*

Silvia Zanetti
Cons. Comunale SI PUO’ FARE!