VIDEONEWS & sponsored

(in )

ZANELLA (FUTURA) * SETTORE SPEDIZIONI: « CHIEDIAMO MAGGIORI CONTROLLI PER LA SICUREZZA DEI DRIVERS NEL SETTORE E-COMMERCE, TERREMO ALTA L’ATTENZIONE »

Nella seduta mattutina del Consiglio provinciale dedicata alle interrogazioni a risposta immediata, Futura ha chiesto informazioni in merito ai controlli da parte degli enti provinciali preposti, sul livello di sicurezza dei lavoratori e in particolare dei mezzi messi a disposizione dei drivers che consegnano per le compagnie di e-commerce.

La question è stata fatta a seguito dell’incontro tra il sindacato di base multicategoriale e la Conferenza dei Capigruppo provinciali, avvenuto il 20 aprile; nell’incontro è stata rappresentata ai consiglieri la situazione nella filiale Amazon di Trento dove si assiste a una sistematica violazione dei diritti dei lavoratori e della normativa sulla sicurezza sul lavoro.

È anche in previsione della prossima apertura del nuovo polo logistico di Amazon a Trento che è stato chiesto che la Provincia si faccia parte attiva per monitorare le condizioni di lavoro dei e delle dipendenti del settore.

L’assessore Spinelli ha informato che l’UOPSAL (l’Unità Operativa per la Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti del Lavoro dell’APSS) è stata attivata per i controlli del caso e ha garantito di adoperarsi per mettere in atto ogni iniziativa di dialogo con la società di e-commerce perché vengano applicate le corrette condizioni di lavoro.

Il 21 marzo 2021 è stato indetto il primo sciopero nazionale dei lavoratori e lavoratrici di Amazon per ristabilire il diritto alla contrattazione aziendale, per salari adeguati e ritmi di lavoro più umani, rispettosi delle normative sui tempi di riposo per consentire il recupero psicofisico, contro il cottimo, per costruire un’organizzazione del lavoro negoziata e superare forme inaccettabili di arbitrio dell’azienda su precariato selvaggio e continui turnover di personale.

Futura terrà alta l’attenzione, perché il settore degli spedizionieri è uno dei settori economici emergenti dove gli utili in aumento rischiano di ricadere poco o nulla sui lavoratori, che vedono erodersi sempre più i propri diritti.

 

*

Paolo Zanella
Consigliere provinciale FUTURA