VIDEONEWS & sponsored

(in )

URZÌ (FDI) – INTERROGAZIONE * PALAGHIACCIO DI VIPITENO: « A CHI SPETTAVA GARANTIRE LA SICUREZZA DELL’IMPIANTO PUBBLICO AL FINE DI PREVENIRE INCIDENTI COME QUELLO VERIFICATOSI OGGI? »

Il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Alessandro Urzì ha presentato un’interrogazione urgente al Presidente della Provincia per fare chiarezza sul crollo del tetto del palazzo del ghiaccio di Vipiteno. “Chiediamo risposte tempestive, i vipitenesi e gli atleti che utilizzavano l’impianto per allenamenti e gare sono esterrefatti di quanto accaduto ed hanno timore per lo stato delle opere pubbliche e per il ruolo del Comune. L’interrogazione sarà discussa in aula durante il “question time” nella prossima seduta del Consiglio provinciale.

 

*

Interrogazione su tema di attualità Palazzo del ghiaccio di Vipiteno

Il tetto della “Weihenstephan Arena” il palazzo del ghiaccio di Vipiteno è crollato nelle scorse ore, probabilmente a causa del peso della neve caduta abbondantemente. Nella struttura, considerata il polo del ghiaccio dell’alta val d’Isarco, si allenavano e giocavano regolarmente le partite di campionato di hockey le squadre dei Broncos Vipiteno oltre a formazioni di broomball e di curling. Al momento del cedimento nessuno si trovava all’interno dell’impianto, ma se tutto questo fosse accaduto durante il periodo di normale attività sportiva con l’impianto aperto poteva essere una tragedia.
Tutto questo premesso e considerato .

SI INTERROGA IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE E/O L’ASSESSORE COMPETENTE

per sapere
1) a chi spettava garantire la sicurezza dell’impianto pubblico al fine di prevenire incidenti come quello verificatosi oggi;
2) se la struttura era monitorata o tenuta sotto controllo e quale esito avrebbero dato gli accertamenti eventualmente eseguiti;
3) se erano previsti interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria dell’impianto a livello provinciale e/o comunale e in caso di risposta affermativa per quando gli stessi erano programmati;
4) quali siano gli interventi ora previsti e quali si ritenga che possano essere le tempistiche di esecuzione.

Bolzano, 10/02/2021

 

*
Alessandro Urzì