Giunta: Aiuto immediato e Contributo al canone di locazione. Le misure approvate oggi (15 aprile) dalla Giunta provinciale hanno lo scopo di sostenere le famiglie ed i cittadini in maniera rapida e non burocratica nell’attuale situazione di crisi.

Le misure adottate questa mattina (15 aprile) dalla Giunta provinciale denominate “Aiuto immediato Covid-19” e “Contributo straordinario al canone di locazione e per le spese accessorie – covid19” hanno lo scopo di fornire un aiuto rapido e non burocratico alle famiglie ed ai cittadini colpiti dalla crisi economica legata al Coronavirus. “Con queste misure provinciali vogliamo sostenere quelle persone che, nonostante i danni economici che stanno subendo, non sono incluse tra i beneficiari di altre misure deliberate a livello nazionale” afferma l’assessora provinciale alle politiche sociali, Waltraud Deeg.

Inizialmente queste misure avranno una validità di tre mesi e gli strumenti economici messi a disposizione ammontano a 7,5 milioni di euro. “Lo scopo è quello di aiutare le persone in maniera semplice e non burocratica” aggiunge l’assessora.

 

*

Domande a partire dalla prossima settimana

Per quanto riguarda la misura “Aiuto immediato Covid-19” si tratta di un importo massimo di 800 euro per ciascuna famiglia che verrà erogato per tre mesi. Hanno diritto a questo sostegno quei cittadini che, a causa della situazione di emergenza, hanno perso il loro lavoro, hanno dovuto chiudere la loro attività o non hanno potuto avviare la loro attività lavorativa e non ricevono altri sostegni per ovviare alla mancanza di reddito. Si prevede che la domanda per ottenere questo sostegno potrà essere presentata a partire dal 24 aprile. A questo scopo deve essere compilato un modulo (scaricabile dal sito #AltoAdigesiriparte) che va quindi inviato via email al Distretto sociale competente.

Per ottenere questa misura straordinaria non è necessario presentare la DURP (Dichiarazione Unificata di Reddito e Patrimonio), è sufficiente effettuare un’autocertificazione nel modulo di richiesta.

Il “Contributo straordinario al canone di locazione e per le spese accessorie – covid19” invece mira a sostenere, sempre per un periodo di tre mesi, famiglie e cittadini che hanno in affitto un alloggio ed in questo momento, sempre a causa della situazione di emergenza Coronavirus, si trovano in difficoltà economiche. Anche in questo caso si può fare domanda di contributo mediante un modulo presso il Distretto sociale competente.

Gli importi vanno da 420 sino a 555 euro di contributo per il canone. L’ammontare dipende dal Comune di residenza e dal numero dei componenti del nucleo famigliare. Le stesse condizioni sono previste per il contributo le spese accessorie (importo da 100 a 140 euro) che può essere presentato se si occupa un alloggio di proprietà, in usufrutto o in affitto. Anche per questi contributi straordinari la dichiarazione DURP viene sostituita da un’autocertificazione. Informazioni dettagliate, l’elenco dei Distretti sociali ed i rispettivi moduli per le domande sono disponibili da subito nella homepage.

I cittadini e le famiglie possono inoltre fare ricorso a diverse misure di sostegno che vengono erogate indipendentemente dall’attuale situazione d’emergenza. Queste spaziano dai sostegni sociali di carattere economico al contributo per l’affitto ed i costi accessori, sino alle prestazioni a favore della famiglia, come l’assegno famigliare e l’assegno provinciale per i minori. La Provincia provvede inoltre a sostenere economicamente i vari enti (organizzazioni, servizi sociali, cooperative, ecc.) che si occupano di varie prestazioni a favore delle famiglie, degli anziani, dei minori e dei disabili.