Polizia di Stato di Trento: 500 persone identificate durante le festività natalizie nelle stazioni ferroviarie.

Il 2019 è terminato ed è già tempo di bilancio per il Compartimento di Polizia Ferroviaria “per Verona ed il Trentino Alto Adige” che, come ogni anno, ha intensificato i servizi per garantire vacanze serene ai turisti che hanno affollato le stazioni delle province di competenza durante le feste di Natale.

Nel corso delle attività sono state identificate quasi 500 persone, di cui 140 circa tra cittadini stranieri e comunitari tra cui mediamente un terzo con precedenti.

I poliziotti della Sottosezione Polfer di Trento e del Posto di Rovereto hanno svolto 65 servizi di vigilanza nelle stazioni indagando in stato di libertà 1 persona per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Con la collaborazione delle unità cinofile della Guardia di Finanza sono stati svolti controlli antidroga e, in risposta al diffuso allarme, gli operatori di polizia dotati di “metal detector” hanno effettuato controlli antiterrorismo sulle banchine di arrivo e ogni altra area di accesso al pubblico, estendendoli anche ai bagagli dei passeggeri in transito.

I servizi svolti hanno visto anche fronteggiare costantemente il fenomeno dei migranti allo scopo di evitare che clandestini si nascondano all’interno nei carri merci in transito tentando di arrivare nei paesi del nord Europa attraverso il valico del Brennero come già accaduto in passato.

I poliziotti della Sezione Polfer di Trento non hanno solo vigilato sulla sicurezza dei viaggiatori, ma hanno posto la massima attenzione ad ogni evento accaduto in stazione; e così, come già ricordato nei giorni scorsi, hanno aiutato a riunirsi una famiglia che, scesa dal treno a Trento, non si era accorta che due dei loro figli non erano scesi, ed hanno aiutato una signora straniera che aveva perso il telefono e i contatti con la famiglia milanese per cui lavora e che preoccupata, la attendeva in montagna per le vacanze.

Il Compartimento Polfer per Verona ed il Trentino Alto Adige è competente per le provincie di Verona, Vicenza, Trento e Bolzano. L’incremento dell’attività istituzionale, nel periodo delle festività natalizie ha riguardato tutte le province di competenza. Complessivamente, gli Uffici Polfer hanno garantito 561 servizi di vigilanza alle stazioni ferroviarie, scortato 49 convogli ferroviari ed eseguito 28 pattuglie lungo la linea ferroviaria. I servizi antiborseggio sono stati 29. Le persone identificate sono 3167, di cui 1262 cittadini stranieri, con 4 persone arrestate e 27 denunciate a piede libero.