VIDEONEWS & sponsored

(in )

LIFE FOR URSUS * KJ2: L’8 MARZO PRESSO IL TAR DI TRENTO FISSATO IL NOSTRO RICORSO CONTRO L’ORDINANZA DI RIMOZIONE

E’ fissata per il prossimo 8 marzo l’udienza presso il Tar di Trento per la discussione del nostro ricorso contro l’ordinanza di rimozione, del Presidente della Provincia Autonoma di Trento, dell’orsa KJ2.

Com’è noto KJ2 è stata uccisa, a nostro avviso, in maniera del tutto illegittima, colpevole solo di essersi comportata da orsa.

I fatti sono ormai noti: la scorsa estate, l’orsa disturbata da un pensionato accompagnato da un cane, si è esibita in un falso attacco, com’è tipico per la sua specie quando si vuole allontanare un intruso. L’uomo, impaurito, ha colpito l’orsa che ha reagito procurandogli ferite non gravi e allontanandosi senza insistere nell’attacco.

Niente di anomalo, come ha dichiarato la stessa Provincia tramite il proprio responsabile del settore grandi carnivori: l’orsa si è comportata in maniera più che legittima e in accordo con i comportamenti della sua specie in casi simili.

Nonostante questo il presidente della Provincia ha emesso un’ordinanza di rimozione che ha portato all’uccisione di KJ2 con una vera e propria esecuzione, che consideriamo tanto indegna quanto illegittima.

Nel nostro ricorso contro l’ordinanza, tramite i nostri avvocati, abbiamo ampiamente argomentato i motivi che rendono evidente l’illegittimità dell’ordinanza e abbiamo puntualmente ribattuto alle argomentazioni presentate dalla provincia in prima istanza. Abbiamo anche rilevato e messo in evidenza i vuoti e le omissioni nella documentazione prodotta e confidiamo che il nostro ricorso sia accolto e sia sancito che compito della provincia è la tutela degli orsi, non lo sterminio annunciato.

In ogni caso, siamo coscienti che la popolazione di orsi trentini è gravemente minacciata da politiche miopi e inconcludenti. Continueremo, per questo motivo, a tenere alto il livello di attenzione e incalzare le istituzioni a tutti i livelli, anche sovranazionali, affinché la provincia di Trento sia messa sotto tutela: ha chiaramente dimostrato che non ha le capacità per gestire una popolazione di animali selvatici che per indole si tiene lontana dagli uomini e dai guai.

 

*

Coordinamento Life for Ursus