VIDEONEWS & sponsored

(in )

LA COMUNITÀ IN RETE * “LA MONGOLFIERA DELLA SOLIDARIETÀ”: « IL PROGETTO VORREBBE RAGGIUNGERE “I PIÙ” CHE SAPPIAMO ESSERE FUORI DALLE OPERE BENEFICHE ESISTENTI SUL TERRITORIO »

La mongolfiera della solidarietà. Essa ha preso il volo, oggi 5 maggio, dalla comunità di Spiazzo, pronta a coinvolgere altri luoghi che vorranno abbracciare lo spirito ed il senso del progetto “permanente”.

Desideriamo inaugurarla con le parole di A. Einstein:

“Il problema oggi non è l’energia nucleare, ma il cuore dell’uomo”.

La mongolfiera da’ il senso di libertà, di gioia e di leggerezza dell’incontro tra due sorrisi: quello di chi dona e quello di chi prende, due regali per entrambi, in una logica diretta, immediata, senza carte bollate e burocrazia in mezzo e, soprattutto, senza alcuna catalogazione di “povero”.

L’incontro spontaneo ed autentico di due semplici gesti, nella consapevolezza che entrambi sono “alla pari”, alimentandosi a vicenda, fondamento di una cultura solidale che cambia passo per una comunità che si vuole riprendere la propria dignità.

Il progetto vorrebbe raggiungere “i più” che sappiamo essere fuori dalle opere benefiche esistenti sul territorio: sono soprattutto coloro che “non osano”, che stanno perdendo la speranza e rischiano di scendere in stato di povertà, che non possono permettersi un surplus perché hanno il denaro contato ed hanno smesso di sognare, rimasti indietro in un processo di globalizzazione sempre più spinto.

La Mongolfiera della Solidarietà ha levato le ancore anche per loro, con un messaggio di amore e di calore per cercare di non lasciare mai più indietro nessuno.

Quando nella vita arrivano venti freddi e sfavorevoli, l’unico modo per poter continuare a “volare” è cambiare altitudine, trovare nuove risorse interiori, nuovi modi di pensare per adattarci alle richieste che la vita ci pone.

Questo il senso vero dell’iniziativa, insieme alle associazioni del Terzo Settore garanti sul territorio, alla Comunità coinvolta ed al punto vendita Conad.

 

*
Michela Bonafini
LA COMUNITA’ IN RETE