VIDEONEWS & sponsored

(in )

GHEZZI E COPPOLA (FUTURA) * CENTRO CULTURALE SANTA CHIARA TRENTO: « DIVINA NEL CDA? UNO SPETTACOLO PENSATO MALE DALL’ASSESSORE BISESTI »

Immaginiamoci la scena: l’assessore Bisesti intento a sfogliare i curricula per scegliere il presidente del Centro servizi culturali Santa Chiara.

A un certo punto deve essersi annoiato o magari ha voluto inventarsi un copione da teatro dell’assurdo perché solo così si spiegherebbe la scelta dell’ex senatore leghista (ex liberale) ex consigliere provinciale ex dipendente provinciale geometra avvocato Sergio Divina, colui che nemmeno per un momento della sua lunga carriera politica e professionale si è occupato di cultura.

Semmai di spettacoli dal vivo, a onor del vero, sì, ma in pura salsa leghista.

Nel suo repertorio non manca nulla. Da “I figli gay sono una disgrazia” (intervista a La Zanzara, 25 luglio 2013, era vicecapogruppo della Lega al Senato) al testo scritto a quattro mani con Boso, dal titolo “È giunto il momento di prevedere vagoni esclusivi per gli extracomunitari” (interrogazione provinciale del 16 gennaio 2003).

Chi meglio di lui quindi? avrà pensato l’assessore provinciale alla cultura.

Ma se così fosse, pare pensata male. Nella scelta strategica sul Centro servizi culturali Santa Chiara la giunta provinciale deve attenersi ai requisiti specificati nel comma 2 dell’art. 7 del decreto del presidente della Provincia del 31 dicembre 2008 n. 54 – 2/leg, che recita: “I membri del consiglio di amministrazione devono essere scelti fra esperti con comprovata esperienza di carattere manageriale nel settore pubblico e privato, con particolare riferimento al settore culturale, della gestione delle risorse umane e del controllo strategico”.

Proprio per capire la “logica” di queste nomine ho chiesto alla presidente della quinta commissione legislativa un’audizione urgente dell’assessore.

Non vorremmo ritrovarci, all’Auditorium e al Teatro Sociale, le file riservate agli spettatori extracomunitari.

 

*

Paolo Ghezzi

Lucia Coppola

Gruppo consiliare provinciale Futura 2018