PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

"Il Trentino news" (puntata n° 17)

Manovra finanziaria provinciale per l’anno 2020. Il Consiglio delle autonomie locali ha incontrato oggi il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti in vista in vista dell’audizione concessa dalla Prima Commissione permanente del Consiglio provinciale sulla manovra finanziaria provinciale per l’anno 2020.

“Così come anticipato nel Protocollo di Finanza locale – ha esordito il Presidente dei Comuni trentini Paride Gianmoena che ha ringraziato il Presidente Fugatti della disponibilità – è l’occasione per discutere insieme un percorso di rivisitazione non solo degli strumenti organizzativi dei Comuni ma anche dell’assetto istituzionale e del rapporto Provincia – Sistema delle Autonomie riguardo al tema della programmazione, rinnovando la necessità di un costante confronto”.

Il Presidente della Pat ha, quindi, ripercorso a grandi linee la Manovra 2020. “È una manovra aperta – ha sottolineato Fugatti – nel senso che, in materia fiscale, si riflette in quella nazionale che deve, ancora, sciogliere i nodi del bonus Renzi. Un punto che, per le Casse provinciali, significa 80 milioni di euro in meno. Ma su questo punto – ha continuato – siamo abbastanza fiduciosi. Sempre in tema di manovra nazionale – ha aggiunto – ci sono notizie positive sul cosiddetto bonus bimbi per la retta dell’asilo nido e sul bonus natalità. Nel suo impianto la manovra nazionale dovrebbe assorbire, infatti, queste agevolazioni”.

Fugatti nel suo intervento ha ripercorso il filo conduttore della manovra provinciale 2020. “Investimenti, famiglie e territori” queste le tre parole chiave utilizzate.

Temi per altro già illustrati al Cal in precedenza. Ha evidenziato come sia alta l’attenzione su nuove progettualità di mobilità come la tratta ferroviaria Rovereto-Riva.

Di stretta attualità anche il percorso che porterà alle Olimpiadi 2026. “Con il Governo si dialoga sulle risorse e sulle strutture legate si giochi olimpici”: ha specificato.

In merito la suddivisione delle risorse dovrebbe seguire la logica su base percentuale dei luoghi dove si disputeranno le Olimpiadi. Tra le opere funzionali ai giochi che sicuramente saranno finanziate c’è l’elettrificazione della ferrovia della Valsugana. Fugatti ha evidenziato come negli investimenti sia stato introdotto l’indicatore di sviluppo su base territoriale.

Per l’efficientamento della Pubblica Amministrazione proseguirà il percorso di revisione organizzativa e di semplificazione burocratica che comprenderà: l’adozione del testo unico in materia di appalti.

Tra gli interventi dell’aula Fabrizio Inama, Sindaco di Denno, ha criticato la norma che prevede come una famiglia dove sia presente un soggetto condannato per un reato non possa ottenere e mantenere un alloggio pubblico. “La famiglia ha detto – non può essere condannata a prescindere”. Sulla stessa linea il Sindaco di Trento, Alessandro Andreatta. “Se condanniamo la famiglia, i figli o i fratelli di chi commette atti esecrabili facciamo un’ingiustizia mettendoli ulteriormente in difficoltà”. Puntuale anche il suo intervento sulla possibilità di poter procedere a nuove assunzioni, da cui dipendono in larga misura gli obiettivi di miglioramento della pubblica amministrazione.

Vittorio Stonfer, Sindaco di Giovo, ha chiesto interventi specifici e preventivi che pongano rimedio ai danni da cambiamenti climatici. Ha chiesto, anche, più snellezza burocratica per gli uffici comunali.

Roberto Oss Emer, Sindaco di Pergine, ha rimarcato la questione Itea con i problemi che si verificherebbero nella revoca dell’alloggio a causa di un soggetto autore di reati. Ha quindi espresso perplessità su alcune scelte fiscali contenute in manovra come i ticket.

Ugo Grisenti, Sindaco di Baselga di Piné, è intervenuto sui lavori e sui contributi per i centri storici. Ha proposto di promuovere l’attività fisica e quindi una salute migliore per gli over 60 con un intervento per l’acquisto di una bicicletta elettrica.

Christian Comperini, Sindaco di Besenello, ha chiesto la gratuità dell’A22 nella tratta tra Trento e Rovereto motivandolo come una soluzione per snellire il traffico.

Per Claudio Soini, Sindaco di Ala, la politica sulla casa, con gli investimenti, avrebbe bisogno di un occhio di riguardo. Sulla politica commerciale dei centri storici è stato diretto: “stanno morendo e forse i Comuni potrebbero fare qualcosa se fossero ben stabiliti gli ambiti di intervento”.

Fugatti sulla questione Itea ha specificato che si tratta di reati con condanna a 5 anni. “È un messaggio che va dato – ha detto – e che sta già dando i suoi frutti con la carta dell’inquilino”. Sulla gratuità dell’A22 tra Trento e Rovereto ha risposto come vada fatto un ragionamento.

Per l’elettrificazione della Valsugana ha spiegato chi si tratta di risorse già stanziate e che si sono sbloccate con il protocollo firmato con RFI.