ENAC – QUARANTA * SODDISFAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO “BEST AIRPORT AWARD” ALL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO COME MIGLIORE SCALO D’EUROPA

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile accoglie con soddisfazione l’importante riconoscimento ricevuto dall’Aeroporto di Roma Fiumicino che è risultato al primo posto, nella categoria degli scali con più di 25 milioni di passeggeri, nella graduatoria 2018 di Aci Europe (Airport Council International), associazione che a livello mondiale vede l’adesione di 500 aeroporti di 45 Paesi, per la capacità di riprogettazione dei propri terminal e per la propensione allo sviluppo di nuovi mercati e nuove rotte.

Il Direttore Generale dell’Enac Alessio Quaranta ha dichiarato: “Mi unisco ai complimenti per l’importante riconoscimento ottenuto dall’Aeroporto di Roma Fiumicino che va ad aggiungersi ad altri importanti risultati conseguiti quest’anno da parte di Skytrax, “World’s Most Improved Airport” e “4 Stars Airport”, e da Aci, “Airport Service Quality Award”, relativi alla qualità dei servizi erogati e ai miglioramenti realizzati negli ultimi anni, frutto anche dell’attività di regolazione, controllo e vigilanza dell’Enac sull’attuazione di quanto previsto dal Contratto di Programma in corso tra l’Ente, in rappresentanza dello Stato, e la società di gestione Aeroporti di Roma”.

L’incremento dei livelli di qualità dei servizi erogati ai passeggeri e la realizzazione degli investimenti, infatti, sono risultati raggiunti anche grazie al Contratto di Programma stipulato tra l’Enac e la società Adr (nel dicembre 2012) che ha comportato un riallineamento delle tariffe ai reali costi di gestione e sviluppo, nonché attraverso il ruolo dell’Ente di tempestiva e puntuale pianificazione degli investimenti, a partire dal Piano Nazionale degli Aeroporti, fino ad arrivare alle valutazioni di impatto ambientale e alla conformità urbanistica.

I Contratti di Programma in deroga tra l’Enace i gestori dei principali aeroporti italiani, ovvero, Roma, Milano e Venezia, sono improntati su un meccanismo di vigilanza collaborativa, che si inserisce in un contesto costruttivo, che ha portato a crescenti livelli di investimenti sulle infrastrutture aeroportuali, all’aumento della capacità aeroportuale, al miglioramento generale della qualità dei servizi resi al passeggero, del comfort e della puntualità.