VIDEONEWS & sponsored

(in )

COMUN GENERAL DE FASCIA * “AISCIUDA LADINA”: « INAUGURATA IL 6 MAGGIO IL FESTIVAL DEDICATO ALLA LINGUA DI MINORANZA »

“Aisciuda ladina”: la lingua è uno scambio tra generazioni. Inaugurata, il 6 maggio nell’aula magna della Scuola Ladina, il festival dedicato alla lingua di minoranza, con un interessante confronto tra gli intervenuti, video e canti.

È iniziata ufficialmente, il 6 maggio nell’aula magna della sorastanza della Scuola ladina di Fassa, l’“Aisciuda Ladina”: l’undicesima edizione del festival, dedicato alla lingua di minoranza, vede protagonisti i bambini e le loro famiglie, “Fech de identità”. Le giovani generazioni che, grazie alla scuola, a politiche adeguate e ad attività promosse dalle istituzioni locali in primis il Comun general de Fascia che sostiene l’Aisciuda assieme ad altre importanti iniziative, sono la fascia della popolazione che attualmente meglio impara, conosce e diffonde il ladino.

«In questi undici anni di Aisciuda – ha detto, in apertura d’incontro, la responsabile del Servizi linguistici e culturali del Comun General – ci siamo resi conto che sono i bambini i primi ambasciatori dell’idioma fassano che portano da casa a scuola, e viceversa, contribuendo in modo sostanziale a mantenerlo vivo in famiglia e nella comunità». A sottolineare la scelta del tema del 2019, anche la procuradora del Comun general e senatrice: «Là dove avviene il primo e più importante apprendimento della cultura, delle tradizioni e della lingua, la famiglia, è anche il luogo in cui si attua uno scambio proficuo tra generazioni: i genitori insegnano ai figli, i nonni ricordano le loro esperienze ai nipoti che, nella loro naturale tensione verso il futuro, assorbono le novità e aggiornano i familiari, anche sulla lingua che magari i più anziani non hanno avuto modo di studiare. Tutto ciò merita occasioni di riflessione, all’interno de l’Aisciuda».

Sul ruolo della famiglia nella trasmissione dell’idioma si è soffermata, quindi, la sorastanta della scuola di Fassa: «La scuola ha un compito importante nella formazione, ma è tra le mura domestiche che avviene in modo naturale l’acquisizione della linguamadre. È fondamentale perciò che la famiglia, intesa anche come “comunità che apprende”, favorisca l’uso e la diffusione del ladino».

Alla visione di un paio di video sul rilievo delle lingue di minoranza, è seguito un confronto che ha coinvolto, nel ruolo di peer leader, le diverse autorità intervenute, fra cui il consigliere provinciale ladino, la neo-presidentessa dell’Istituto Culturale Ladino e il presidente uscente, il presidente dell’Union di Ladins, l Conseier de Procura a turismo, giovani e sport, il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Fiemme e Fassa, il sindaco di Soraga, il direttore dell’Apt e un consigliere provinciale della Val di Fiemme.

Questi referenti hanno riflettuto assieme a tutti i presenti, divisi in gruppi, su quanto fatto finora per la lingua e la cultura ladina. Interessanti gli spunti emersi nel breve dibattito: a fronte di una complessiva soddisfazione per la valorizzazione della lingua, si è messa in luce la necessità di una maggiore consapevolezza dell’identità e dei suoi contenuti, così come di una collaborazione e un supporto più convinti tra ladini e istituzioni per promuovere la lingua anche tra i nuovi locutori, che devono essere incoraggiati ad impararla e a parlarla.

Sul finale d’incontro, preludio di una settimana ricca di appuntamenti per piccoli e grandi, spazio ai canti del gruppo “Ciantèr ensema amò più bel”, costituito a fine marzo, e a una gustosa “Apericena” preparata dalla Cooperativa Oltre “Projet cojinèr ensema”.

 

 

*

“Aisciuda ladina”: l lengaz l’é n barat anter generazions

Sé à avert ofizialmenter, ai 6 de mé te sala grana de la Scola Ladina, l festival de lengaz
e cultura de mendranza, con n confront zis enteressant anter chi che à tout pèrt, video e cianties

L’é scomenzà ofizialmenter, ai 6 de mé te sala grana de la Scola Ladina de Fascia, l’“Aisciuda Ladina”: la undejeisema edizion del festival del lengaz e de la cultura ladina chest an l’à desche protagonisć i bec e sia families, desche “Fech de identità”. La joena generazions, che de gra a la scola, a politiches linguistiches aldò e a ativitèdes endrezèdes da la istituzions locales, dantdaldut l Comun general de Fascia che met a jir l’Aisciuda e de autra scomenzadives emportantes, l’é la pèrt de la popolazion che, te chest moment, la empèra miec, la sà e la sparpagnea fora l ladin.

«Te chisc undesc egn de Aisciuda – l’à dit al scomenz de la scontrèda la responsabola di Servijes Linguistics e Culturèi del Comun general – se n’aon ascort che l’é i bec i prumes ambasciadores del lengaz fascian, che i porta da cèsa a scola e vizeversa, didan a na vida sostanzièla a l mantegnir vif te familia e te la comunanza». A sotrissèer la cernia de l’argoment da chest an 2019, ence la procuradora del Comun general e senadora l’à dit: «Olache l’é l prum e l più emportant aprendiment de la cultura, de la tradizions e del lengaz, te familia, l’é ence olache l’é l barat percacent anter la generazions: l père e la mère ge ensegna ai fies, i giaves i ge recorda sia esperienzes ai nec che, te sie esser orii envers l davegnir, i tol su la neves e i ge les porta a chi de cèsa, ence per chel che vèrda l lengaz che, fosc, i più veies no à abù l met de studièr te scola. Dut chest merita ocajions de reflescion, delaìte de l’Aisciuda». En cont de la funzion de la familia te la trasmiscion del lengaz à dapò rejonà la sorastanta de la Scola Ladina de Fascia: «La scola l’à na encèria emportanta per la formazion, ma l’é a cèsa che, a na vida naturèla, i bec tol su la mère-lenga. L’é fondamentèl, donca, che la familia, entenuda desche “comunanza che empèra”, la doure e la sparpagnee fora l ladin».

Dò aer vardà vèlch video dintornvìa l’emportanza di lengac de mendranza, l’é stat n confront con le desvaliva autoritèdes che à tout pèrt: anter chestes l conseier provinzièl ladin, la neva presidenta de l’Istitut Cultural Ladin e l veie president, l president de la Union di Ladins de Fascia, l conseier de procura a turism, joegn e sport, l comandant di Carabinieres de Fascia e Fiem, l’ombolt de Soraga, l diretor dell’Apt e n conseier provinzièl de Fiem. Desche peer leader, chisc referenc à fat na reflescion. ensema con duc chi che à tout pert spartì fora per gropes, dintornvìa chel che l’é stat fat enscin ades per l lengaz e la cultura ladina. L’é vegnù fora idees e pensieres enteressanc: enceben che l’é na sodesfazion generèla per la valorisazion del lengaz, l’é stat sotrissà l besegn de aer na maor consaputa de la identità e de si contegnui, desche ence de na colaborazion e de n sostegn più engaissé anter ladins e istituzions per ge fèr cognoscer l’idiom encer ai neves locutores, che i cogn vegnir soscedé a l’emparèr e a l rejonèr.

A la fin de la scontrèda, introduzion a na setemèna piena de apuntamenc per picoi e gregn, g’é stat dat l met de portèr sun paladina sia cianties al grop “Ciantèr ensema amò più bel”, metù en esser de mèrz, e na bona “Apericena” enjignèda da la Coprativa Oltre “Projet cojinèr ensema”.