Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

(Fonte: Codacons) – Il Codacons ha depositato formale intervento dinanzi la Corte Costituzionale che martedì 24 gennaio deciderà sulla legge elettorale. Nello specifico il Codacons chiede alla Consulta l’abolizione del premio di maggioranza – che configura una lesione dei diritti dei cittadini e non garantisce una corretta rappresentanza alla Camera né adeguate garanzie per le minoranze – cancellando le norme illegittime e sentenziando nella direzione di andare al voto con una nuova legge emendata dalla Corte stessa. “La Consulta deve bloccare quelle manovre politiche in atto da tempo tendenti a far conseguire la pensione agli eletti rinviando il voto e lasciando così in vita un Parlamento eletto con un sistema illegittimo – spiega il presidente Carlo Rienzi – Chiediamo inoltre ai giudici della Corte Costituzionale di dare un forte monito al legislatore, affinché le leggi elettorali siano approvate con maggioranze qualificate come per le leggi costituzionali, perché non si può consentire a chi raggiunge una volta la maggioranza di cambiare la legge elettorale a suo piacimento, rendendo il proprio potere intoccabile ed eterno” – conclude Rienzi.