FESTINI BROSA – LEGA TRENTINO * SICUREZZA TRENTO: ” EMERGENZA DEGRADO SOCIALE AL CENTRO EUROPA, PERCHÉ NON SI SANNO TROVARE LE RISPOSTE? “

 

Da diverso tempo riceviamo segnalazioni della presenza di persone senza fissa dimora le quali pernottano nei portici coperti attorno all’edificio del Centro Europa di Trento. Si tratta di persone le cui situazioni della vita li hanno portati a perdere la cosa che ognuno di noi reputa più importante come una casa, la tranquillità di un nucleo familiare e la dignità.

Purtroppo la città di Trento non è nuova ad esempi di degrado come quello ben noto di Piazza Dante, su cui si affacciano gli edifici che ospitano Provincia e Regione, le quali però mostrano la loro completa indifferenza proprio dove il degrado si manifesta con maggior forza, quasi che queste istituzioni vogliano mettere in evidenza la differenza tra “loro” e “gli altri”.

Il caso del Centro Europa sembra ora presentare la stessa situazione, dato che lì hanno sede molti illustri enti, mentre le persone in stato di disagio vi dimorano invisibili, anche a chi in quegli uffici ci lavora.

Nonostante la presenza inequivocabile di cartoni a terra durante il giorno e delle persone addormentate durante la notte (con il degrado conseguente), gli stessi lavoratori del Centro negano il fenomeno, quasi non si dovesse nominare, o vi fosse un tacito accordo di non testimoniare in merito.

Non possiamo dimenticare che molto spesso le condizioni di vita dei clochard hanno origine proprio nelle norme create da chi amministra, addirittura quegli stessi enti che si trovano nel Centro Europa e che hanno così sotto gli occhi il risultato delle loro scelte politiche ed amministrative.

Davanti a questi stati di fatto la domanda diventa: viene lasciata questa situazione perché non si sanno trovare le risposte o perché a chi lavora negli uffici piace che al di fuori vi siano i clochard?

 

*

Gianni Festini Brosa
Consigliere comunale Lega Nord Trentino